Essere gravida in Svezia assolutissimamente non bevendo del Kurant Blush

Bene, immolo sull’altare di nonsolopolpette la vittima sacrificale Kazziimjei per un post di (non) interesse generale.
Generale quantomeno per chi, come me, affronterà una gravidanza nel regno di Svezia.

Bene, la gravidanza in Svezia è un avvenimento discretamente frequente, se si prendono come fonti autorevoli gli occhini aperti per strada. Basta fare del peoplewatching quando si cammina per giungere alla conclusione che o è sport nazionale ingoiare cocomeri interi, o qui figliano conigliamente.

"Vero svedese". Con bandiera. Su bavaglino. Rabbrividiamo.

“Vero svedese”. Con bandiera. Su bavaglino per neonato. Rabbrividiamo.

In Italia le italiane (altro discorso per le immigrate, fortunatamente) si riproducono poco e tardi.
Tempo fa ho fatto un controllo a Pisa ed ero la più giovane (di diverse lunghezze) tra tutte, e voglio dire, ho 27 anni, non sono una teenager rimasta fregata da un party selvaggio.

Ma le differenze non sono solo in frequenza ed età di donne gravide, le differenze sono molte. Moltissime.

Essendomi trasferita in Svezia definitivamente quando ero di tre mesi, posso dire di essermi fatta un’idea di entrambi gli iter medici di Belpa e Vikiland. E proprio per questa ragione, continuerò a utilizzarli entrambi. Pagherò un po’ più d’aereo, ma il sistema italico io non lo lascio.

Dunque, io in Italia nei primi 3 mesi ho fatto:
1) Test del cacchio in farmacia per capire se piangevo a caso, morivo di fame e avevo le tette di Pamela Anderson per qualche ragione particolare. E vabbè, questo me lo sono pagata perché funziona così (costa anche abbastanza). Funziona così anche in Svezia.
2) Test ormonale per vedere i livelli di BetaHCG, cioè dell’ormone che produce l’embrione, la gonadotropina corionica. Pagamento ticket, non test.
3) 4 ecografie (di cui una di emergenza causa paranoid moment, quindi una non conta, nonostante gratis anch’essa) completamente gratis, con vista embrione/feto, doppler per battito del cuore, e ad ogni ecografia è corrisposta una visita ginecologica.
4) Test urine, test sangue (emocromo, HIV, pap test, gruppo sanguigno, rosolia, antiglobulina, toxoplasmosi). Tutto gratis. L’Italia (o per lo meno la Toscana, poi ‘ste cose sono regionali spesso) prevede un toxotest al mese in gravidanza.
5) Bi-test. Ovvero test comprendente esame del plasma ed ecografia per avere un range di probabilità di avere un neonato affetto da anomalie cromosomiche (soprattutto sindrome di Down). Gratis. (Specifico che in Svezia si fa solo ed esclusivamente in clinica privata e costa più di 200€).
6) Ad agosto farò un’ecografia morfologica (anche qui gratis). Ma se volessi mi spetterebbero di diritto anche altri esami delle urine, altri esami del sangue, e poi più avanti un’altra ecografia e un altro monitoraggio del battito fetale. Se avrò voglia tornerò in Italia, se no, no.

N.B. Se fossi stata una over 35 avrei avuto l’amniocentesi o la villocentesi gratis.

Cosa ho ricevuto:
1) Cartellina rigida in tessuto con su scritto “La mia gravidanza”, che a sua volta conteneva:
2) Libretto/ricettario medico verde con un fiocchino sopra che contiene i foglietti/impegnativa da presentare alle visite.
3) Opuscolo “Aspetti un bambino?… Aspettiamolo insieme” con dentro scritti tutti gli incontri, i corsi e le consulenze ostetriche, mediche e psicologiche a cui ho diritto GRATUITAMENTE prima, durante e dopo la gravidanza alla mia ASL, numeri utili, orari.

Opuscoli italici

Opuscoli italici

4) Cartellina personale della Regione Toscana con i miei dati, i dati del padre (sperando sia davvero lui e non il cubista botswanese della mia festa di compleanno), anamnesi familiare, personale e ostetrica, diario delle visite, dei test fatti e delle mie condizioni ogni volta, altezza, peso, etc. ovvero materiale che distruggerò appena il caccolino nascerà.
5) Dieta di 1700 kcal al giorno per i primi mesi, che sul retro ha quella di 2000 kcal per gli ultimi mesi (vorrei dire a tutti i miei nemici che stanno leggendo che no, non sono diventata una balena, ho preso pochissimi chili e faccio un sacco di attività fisica, sono più bella di prima. Tiè!).
6) Opuscolino sull’allattamento che non ho ancora letto perché tanto c’è tempo.

Specifico che se fossi tedesca, albanese, cinese, algerina, sudafricana, di un paesino non conosciuto dall’essere umano delle regioni estreme della foresta amazzonica, o clandestina, sarebbe la stessa cosa.

Ho una ginecologa che mi segue (e che amo), con ostetriche adorabili che rispondono a ogni mio quesito, e poi dal momento che sono particolarmente stronza e fortunata, ho a mia disposizione la madre del padre del mio pargolo che è ostetrica, una zia che è ostetrica, e un’amica che è ostetrica. Ma vabbè, questo è culo, coglionazzi (è una citazione fantozziana, non vi sto offendendo a caso).

Ora passerò in rassegna invece ciò che so (perché mi è stato illustrato alla mia prima visita) del Biondomondo, nella fattispecie di Malmö.

Dunque, vabbè, serve la tessera sanitaria europea, perché se sei europeo bene, se no paghi.

Se non hai il codice fiscale svedese non puoi andare di persona, ma devi telefonare ad un numero con una voce registrata che parla skånska (dialetto di Malmö), sforzarti di capire quando ti sembra ti stiano chiedendo di inserire il tuo numero di telefono, inserirlo e aspettare che ti richiamino. Ti richiamano, ti tengono un’oretta al telefono perché non hai lo stramaledetto viKicodicefiscale (che si meriterà un post a parte) e ti fissano una visita.

La visita è una chiacchierata con un’ostetrica.

Cose che si notano: sono tutte donne. Non ci sono ostetrici, non ci sono infermieri, non ci sono medici. È un mondo rosa che profuma di cipria e che è cosparso di riviste su gossip, moda e maternità. Oh yeah. Essere donna oggi.
Ostetriche donne, infermiere donne e… dottori donne? No. Niente dottori né dottoresse.nodoctors

Sì, perché la gravidanza non la segue MAI un medico (a meno che tu non abbia complicazioni, allora lo chiamano), solo le rosa ostetriche.

È inutile che vi depiliate la frilli per la “visita” o che vi mettiate delle mutande dove non ci sia sopra Minnie o qualche buco, tanto l’ostetrica che vi assegneranno non è interessata a scosciarvi sull’imbarazzante sedia, vorrà solo parlare con voi.

La piacevole chiacchierata si svolge nello studio dell’ostetrica disseminato di quadri con bambini, donne nude, wulwe & wagine stilizzate, e vi verrano fatte diverse domande, tra cui:

1) Il tuo partner ti picchia? A parte che no, non lo fa, e poi ecco, ci sono andata indovinate con chi? Col mio partner, quindi insomma, magari non te lo direi… Oddio, per un nanosecondo mi è passato per il cervello di dire “Sì sì, ogni tanto mi rompe una sedia sulla schiena, poi mi lega e mi prende a frustate con un gatto a nove code, vero amore? Diglielo!”, poi però mi sono ricordata che gli svedesi non sono famosi per essere il popolo più ironico del pianeta, e quindi alla fine mi sono resa conto che questa uscita sarebbe appartenuta alla lunga lista di cose che fanno ridere solo me, ma scandalizzano il resto del mondo, e siccome mi hanno già detto di fare attenzione a questa mia tendenza, sono stata zitta buona buona e ho risposto “No”.

2) Bevi durante la gravidanza? Bene, dal momento che io non sono svedese, e quindi non concepisco l’abitudine di non bere mai dal lunedì a venerdì per poi tracannare decalitri di vodka economica il sabato sera, per me dire “Mah, un bicchiere di vino ogni tanto capita”, vuol dire davvero “Mah, un bicchiere di vino ogni tanto capita”. Quindi è inutile che mi sfracassi la minchia sui danni dell’alcol, io se capita un bicchiere di vino non solo lo bevo,  ma lo bevo di quello bòno, e GODO. Alla facciaccia tua e del tuo Systembolaget dei miei coglioni.
absolutepregnantLa viKiostetrica mi ha detto che fanno malissimissimo anche 10 cc di vino. Corrucciata, ha scritto istericamente qualcosa dove ho letto la parola “vin” sul suo maledetto diarino, e ha osato dirmi che “fa male al bambino e io sono qui per lui“, alché io ho iniziato ad alterarmi e ho risposto che anche io ero lì per il bambino, visto che è MIO. Grrrrr.

Poi mi ha detto che in Svezia ho diritto a:
1) Questa famigerata chiacchierata che stavo avendo in quel momento.
2) Un’eventuale visita dal medico se si hanno problemi gravi.
3) Una chiacchierata più seria con esami urine e sangue (gonorrea, clamidia, gruppo sanguigno. Mai toxo).
Tra l’altro, io che sono sfigata ho avuto un’infezione renale e dovete sapere che qui manca il concetto di “orinocultura” e “antibiogramma”, quindi visita d’emergenza: ho pagato 5 euro una “visita” da un’infermiera, alla quale ho detto che avevo bisogno di un antibiotico, lei (tra l’altro simpatica come la sorella sgradevole di Sgarbi) ha pleonasticamente detto che avevo bisogno di un medico, il quale si è beccato altri 20 euro e, dopo che IO gli ho detto che avevo un’infezione ai reni, dato che è la terza e ormai riconosco i sintomi, mi ha prescritto della penicillina.
A quel punto ho chiamato il mio medico in madrepatria che mi ha detto, visto che non sono nata nel ’12 e non ho un marito al fronte e una bimba tisica, di sostituire la penicillina così démodé con un Augmentin preventivamente messo in valigia.
4) 1 (sì sì, ho scritto 1) ecografia alla 18° settimana(che sono 4 mesi e mezzo, questo significa che se dall’ecografia vedo che il bimbo ha 4 paia di zampe aracniformi, un alluce in mezzo agli occhi, o una dozzina di teste, deciderò se abortire quando il feto è già bello formato).
5) Un’altra chiacchierata ostetrica alla 25° settimana.
6) Un controllo del diabete tra la 27° e la 28° settimana.
7) Un’altra chiacchierata se questo è il primo figlio alla 31° settimana (se non è la mia prima gravidanza vuol dire che so già come funziona e mi attacco al cazzo).
8) Dall’ottavo mese e una settimana, una chiacchierata ogni due settimane finché non sgravo.

Mi ha anche detto che in tempi remoti si faceva un’altra ecografia all’8° mese, ma ora non si fa più. Abitudini antiche, oh my god.
Capito?! Una sola ecografia per tutta la gravidanza, per di più in un periodo in cui abortire è sicuramente diverso dal farlo con un certo anticipo.

OpuscoliSvezia

viKiroba consegnatami

Dopo avermi detto tutto questo mi ha dato:
1) Foglio con i numeri utili tutto scritto in svedese (in Toscana perlomeno, la documentazione viene data in italiano, inglese, spagnolo, albanese, romeno, cinese e arabo, e se c’è necessità viene chiamato un mediatore culturale).
2) Informativa che dice che i risultati dei miei test verranno conservati nel caso dovessero riguardarli nel corso del tempo (cosa vorresti fare, buttarli via appena letti? Il concetto di cartella clinica forse risulta misterioso).
3) Foglio che oltre a farmi vedere come cresce un bambino di settimana in settimana mi dice a cosa ho diritto (vedi sopra).
4) Librino Having a baby (in svedese Vänta barn) sull’aspettare un bimbo: crescita del bimbo, risposte a domande varie (posso andare in palestra, posso fare sesso), divieti vari (il suddetto, temibile, non meglio identificato ALCOL, le sigarette e lo stupido tabacco da gengiva), la spiegazione su come la gravidanza cambia il tuo corpo, su come le ostetriche svedesi ti aiutano (ve lo dico io: male), i problemi/malattie che si possono avere in gravidanza, informazioni su cosa fare durante il parto a parte soffrire (raccomandano anche cosa portare, tra cui macchina fotografica e caricabatterie… grazie), informazioni sui tipi di anestesia, informazioni sul cesareo, sulla ventosa e sull’allattamento al seno. Mi hanno dato un libro in inglese, io ho chiesto anche quello in svedese e a casa ho notato che quello inglese ha 64 pagine, quello svedese 144. Non so cosa c’è scritto in più, se vi interessa leggo anche quello svedese e ve lo dico.
5) 2 bicchieri di plastica (non sterili) dentro cui fare pipì, per poi trasferirla dentro una provetta (questa invece sterile, ma tanto ormai…) da portare per la prossima chiacchierata con esame urine accluso.

Ah, mi hanno dato anche un codice fiscale temporaneo da portare sempre con me, se no gli svedesi ci vanno in paranoia.

Poi io ho chiesto specificatamente informazioni sulla toxoplasmosi, dato che in Italia ti fai un test al mese. Lei inizialmente non ha capito la parola toxoplasmosis (faccio notare che in svedese si dice toxoplasmos), poi mi ha detto che era la prima volta che lo sentiva e che non aveva idea di come richiedere questo strano esame.

Io ho detto: “Guarda, basta che mi dici dov’è un laboratorio analisi, o una clinica privata, e lo pago io il test, non c’è problema”. Niente. Lei non sapeva dove, non sapeva chi, ha detto: “In caso si vogliano più controlli medici so che esistono cliniche private, ma un’analisi privata boh, mai sentita”.

Sì ecco, un altro mondo. Tra l’altro, curiosità: se decidete ragionevolmente di farvi un’ecografia prima della 18° settimana, quantomeno per vedere se l’embrione è in utero o no, o per essere certe di essere in stato interessante, o perché cazzo, è così che si dovrebbe fare, sperate di non avere due gemelli, perché in quel caso costerà il doppio! Ahaha, zecche, vero?

L’ecografia (che farò tra poco ma ancora non ho fatto) la fa anch’essa un’ostetrica, e se c’è del disagio nel feto chiama il medico. Ti preparano all’ecografia dicendoti che è molto importante guardare un video sulla diagnostica prenatale, realizzato dal servizio nazionale della salute, il Vårdguiden.
Il video dà informazioni su Bi test (che io, ripeto, ho fatto in Italia gratis in un centro di eccellenza, in Svezia 200 euri sull’unghia e solo in clinica), villocentesi, amniocentesi e l’unica ecografia della 18° settimana.

Bene, in questo video si affrontano temi come la sindrome di Down (perché è comprensibile che un genitore voglia sapere se suo figlio rischia di essere Down) specificando come le scuole aiutino i bimbi Down, non c’è tutta questa necessità di abortire, scene di bimbi Down che giocano a pallone, etc. Ora, io non giudico nessuno, ma ho la pretesa sacrosanta di non voler essere giudicata a mia volta se ammetto con tutto il candore del mondo che se il mio Bi test avesse dato risultati negativi io avrei abortito. E non mi servono le scene di rosei bambini Down per farmi sentire una merda, perché io una merda non mi ci sento.

Poi, a proposito della pidocchiosa ecografia: famiglia che racconta che durante questo test hanno visto che il bimbo aveva la spina bifida. Moglie e marito specificano che avrebbero tenuto il bimbo anche se disabile, perché lo amavano e lo desideravano, ma poi il medico ha detto che sarebbe stato MOLTO disabile, e loro “non hanno voluto essere egoisti”. Il marito specifica che è orribile dover “giocare a fare Dio” (era scritto anche maiuscolo nei sottotitoli in inglese), ma era nell’interesse della creatura e hanno abortito, nonostante ripetessero allo sfinimento che lo avrebbero tenuto e amato anche disabile.
Ecco, immagino sia stato difficile per loro, ci mancherebbe, un aborto è sempre difficile, anche per una ragazzina a cui si buca il preservativo è difficile, figuriamoci se il bimbo è voluto ma malato. Grazie a ‘sto cazzo che è una tragedia.

Ma che lo stato si permetta di parlare di dio (io lo scrivo minuscolo) su di un video consigliatomi da un cazzo di ospedale, un video che mi parla di diagnostica prenatale e mi fa vedere bimbi Down sorridenti e genitori che si sentono in colpa di aver giocato a dio, un video che sembra una copia più lacrimevole e tecnicamente fatta peggio dell’Oprah Winfrey Show, bene, NO. Siete pessimi.

no abortoComunque sia, visto che mi sto incazzando da sola, vi linko ‘sto video de mmmerda e concludo: io ho deciso che sfrutterò il sistema sanitario di entrambi i paesi, infatti mi farò l’ecografia sia qui (e se il fagiolino collabora scoprirò presto se è maschio o femmina) che in Italia al quinto mese.

Non mi potrò controllare la toxoplasmosi così spesso come i medici italiani raccomandano, ma se 27 anni di graffi di gatti, lettiere pulite, salami e prosciutti e frutta mai lavata non hanno portato a niente, spero davvero che non mi venga proprio ora.

Ancora non so dove partorire, ma credo qui in Svezia, perché nonostante in Italia ci siano babbo, mamma, ostetriche vicine, amici e amiche, non ho voglia di tornare un mese e mezzo prima del parto e tornare un mese e mezzo dopo. 3 mesi sono troppi.

Ecco, se poi vedrò asciugamani, acqua bollente (nei film con partorienti non mancano mai) e un forcipe in sala parto mi allarmerò, per ora me la godo.

E siccome sono acida (come potete notare, le dolci gioie della maternità non hanno apportato nessun beneficio al mio carattere) la ricetta che vi posto è un cocktail stoccolmese a base di vodka. Non lo berrò, non rompetemi le balle anche voi. Però lo posto.

INGREDIENTI PER 1 BICCHIERE DI KURANT BLUSH:

  • 30 ml di Absolut Kurant (o comunque della vodka al ribes nero)
  • 15 ml di liquore alla fragola
  • 30 ml succo di cranberry (in Italia questo frutto non esiste, sarebbe il mirtillo rosso americano, da non confondersi col semplice mirtillo rosso, o lingon. Sostituite pure con altro succo di frutto di bosco acidulo)
  • succo di due spicchi di lime
  • zucchero per guarnire
  • ghiaccio

PREPARAZIONE: 

Mettere nello shaker (se siete stilosi, se siete persone normali e non James Bond, mescolare in un altro bicchiere) la vodka, il liquore, il succo di cranberry e il succo del mezzo lime.

Bagnare i bordi del bicchiere e appoggiare i bordi bagnati su dello zucchero. Mettere il ghiaccio nel bicchiere e versare il cocktail.

Buon appetito!

I.

Annunci

  1. Io l’ho vissuta bene, qua in Svezia. Sará che non ho pensato – non ho voluto pensare – alle possibili complicazioni, e che ho avuto una gravidanza molto facile. Il sistema é spartano, questo é vero. Ho sempre detto, in sei anni di vita qui, che se sei ipocondriaco la Svezia non fa decisamente per te.
    Sulla storia dell’alcol vabbé, sono dei disagiati antisociali incapaci di mezze misure, che vuoi farci.
    Sei a Malmö, bene! Ti offro molto volentieri UN BICCHIERE DI VINO se vuoi.

    Buon proseguimento e buona panza.

    B

    • Ma infatti BRAVA! Te la sei vissuta come la si dovrebbe vivere. Anche io sono molto tranquillona, mi sono solo angosciata quando mi sembrava di avere l’esercito mongolo dentro il mio rene e non c’era versi di vedere un dottore, lì ammetto di aver avuto le mie perplessità.
      Se te la senti di offrire un bicchiere di vino a una povera gravida sotto gli occhi inorriditi di disagiati antisociali, cara msshellac, io ti prendo in parola!

  2. Beh innanzitutto sono tanto contento per te! Sai che con questo post potrai scatenare orde di amanti della Svezia? 🙂 Comunque il sistema è molto spartano, e funziona sulla statistica. Ovvero, nella stragrande maggioranza dei casi, tutto quello che si fa in Italia non serve. Tanto la gravidanza é una cosa naturale, che sopratutto alla tua età non dá problemi. Questo permette al sistema di essere snello e risparmiare soldi. Certo, se poi invece il problema c’é…. se becchi quella brava che se ne accorge bene, altrimenti é la fine. Così come in genere nella sanità in Svezia. Devi essere tu ad essere informata. Vari studi hanno mostrato una qualità migliore del servizio per le persone laureate e che vivono nelle grandi città. In genere Stoccolma, con l’ammistrazione moderata degli ultimi otto anni, ha migliorato moltissimo la qualità ed i tempi di attesa. Anche qui, infatti, la sanità è regionale. Sull’alcool è la solita mentalità.socialista protestante. Tu non sai niente, e lo stato sa cosa é buon per te.

    • Grazie gatto!
      Sì l’eccessiva medicalizzazione piace poco anche a me. Però ecco, via, nel più ci sta il meno, insomma, una gravidanza extrauterina è pericolosa per tutte.
      Che devi essere informato me ne ero accorta quando ho dovuto spiegare (dopo aver pagato) di aver bisogno di un antibiotico 🙂
      Non la sapevo questa cosa di Stoccolma! Grazie delle puntualizzazioni, che fanno sempre piacere.
      E guarda, per le orde di filoviKi hai ragione ma ormai penso ci abbiano rinunciato a incazzarsi con me, sono una causa persa. E se si incazzano io mi ci diverto!

  3. Auguri!!! (Dio santo un po’ effetto me lo fa, ma vabè: AUGURI) Un bacio continua a scrivere e io crescerò in coscienza e salute mentale insieme a fagiolino. giudi

  4. Un post semplicemente straordinario! ” il sistema italico io non lo lascio” è il mio mantra da quando mi sono trasferito a Stoccolma per buona parte dell’anno. Non vedo l’ora di leggere il post sul viKicodicefiscale… La chiave del sistema.hahahahahaha

    • Oddio, è vero?! Questo stramaledetto viKicodice fiscale mi sta mandando ai matti. Io penso che non sia giustino, penso che ci siano gli estremi per un ricorso alla Corte Europea, voglio fare una class action al contrario: io che porto in tribunale TUTTI GLI SVEDESI, ti immagini? 🙂
      No fai bene, non lo lasciare il sistema sanitario italico, che insieme all’università (in entrambi i casi con le dovute eccezioni, dato che l’Italia è fatta a macchia di leopardo in un branco di cose) è l’unica cosa buona che ci è rimasta!

  5. Ullallà, polpettina in arrivo! Congratule a pioggia!
    Ma mica me l@ fai crescere 100% biondopensante, no? Cioè un po’ sì, ma senza esagerare.
    Iscrivil@ a lezioni di mandolino, sgridal@ se versa il ketchup sugli spaghetti… ma se ti chiede Sky per vedere Sanremo o Il Processo del Lunedì o Porta a Porta emigra ancora più su, dove gli stoccolmesi sono considerati terùn.
    Chissà che non ci si veda… 😉

  6. Ma grasssssie!!
    No ma infatti, né biondopensante né italopensante, caro Niarb. Dio, che brividi.
    Pensa se sventola la bandiera della Svezia mentre fa la schedina del totocalcio, o se si rifiuta categoricamente di usare il bidet mentre fa l’adolescente a 40 anni. La nefasta unione dei due popoli. Mi tocca fare come la Franzoni, poi.
    Senti, io spero tanto per il/la polpettino/a di no, ma credo che sarà scassaballepensante. Se guardo i miei, almeno: padre è superpolemico e superagguerrito, madre all’apparenza lo è meno ma è testarda come un mulo e entrambi son sempre convinti di avere ragione.
    Io sono peggio di loro, perché è vero che nel mio cervello poi mi sbombolo di dubbi e mi faccio tanti esami di coscienza, ma occhio, questo non vuol dire che sia meno polemica, perché poi se ci pensi bene vuol dire che non mi do ragione nemmeno da sola…
    Mio/a figlio/a sarà un misto tra Alien e Predator, oioi.
    Spero nei geni paterni, no non del ballerino botswanese, del vero padre, dico 😉

  7. Ciao. Non si può mantenere il sistema sanitario italiano vivendo in Svezia. Evitare l’iscrizione all’AIRE non conviene, le multe sono salate e arrivano puntuali (soprattutto con questo governo). In teoria bisognerebbe iscrivercisi dopo 3 mesi max un anno però se sei leggermente in ritardo chiudono un occhio. Non credere che essere arrivata in Svezia ti possa assicurare un futuro welfare perché stanno tagliando a vista d’occhio. L’unica risorsa per pagare meno tasse all’EU sono i rifugiati che accolgono in massa e creano problemi perché non ne vogliono sapere di integrarsi. Comunque fanno bene a tagliare il welfare, almeno questi qua si danno una svegliata. A mio avviso dovrebbero toglierlo del tutto questo welfare, fa solo danni! Auguri per la tua vita svedese.

    • No, io ancora non posso iscrivermi all’AIRE finché non ottengo la residenza in Svezia, che non posso ottenere finché non ho il numero personale, che non posso ottenere finché non mi arrivano tutti i fogli dall’università (sembra “Alla fiera dell’Est”).
      Secondo il mio modesto parere non fanno bene da nessuna parte a tagliare il welfare, perché “questi qua”, tra cui mi trovo anche io, sarebbe giusto avessero gli stessi diritti di ogni altra persona.
      Perché sì, in Svezia c’è una specie di socialismo, ma se lo rendono solo su base nazionale, diventa (a logica) un nazional-socialismo… e direi che storicamente non è stato un grande esperimento, no?

      • Ciao, scusa il post un po’ aggressivo ma pensavo fossi una di quelle che volevano fare le furbe. Sai, ce ne sono tanti di italiani che arrivano qua e credono di poter fare all’italiana.
        A proposito, non hai ancora ricevuto il numero personale? Come mai?
        A me arrivò dopo nemmeno una settimana.

        ‘Questi qua’ era riferito agli svedesi i quali, notoriamente, dormono tranquilli pensando che lo Stato li soccorrerà in ogni momento della loro vita!
        Invece non è più così. Non so se per fortuna oppure no.

        Il sistema socialdemocratico era ottimo fino a quando erano compresi anche i doveri del cittadino e la gente seguiva le regole.
        Non come ora che tutti credono di fare come pare a loro.

        Beh, in fondo i diritti universali non sono giusti perché ora, che tutti se ne arrogano il diritto solo perché sono al mondo, si vede che casino c’è…
        I diritti sono di chi si è battuto per ottenerli e si è fatto un culo così a pagare tasse altissime per poter imbandire la ricca tavola svedese, non dell’ultimo arrivato. Hanno ragione gli svedesi ad incazzarsi, come ci incazziamo pure noi italiani.

        Bisogna ammettere che gli svedesi sono stati e ancora sono (fin troppo) generosi con gli ultimi venuti, anche se meno con gli EU, però ci si può stare dai… La sanità però, ti avverto, sta diventando costosa e quasi conviene andare dal medico privato anziché da quello statale. Ci sono anche tante altre cose che non funzionano così bene come sembrerebbe dall’esterno, tipo le scuole, che sono di bassissimo livello.

        È brutto da dire ma è così. Una si immagina chissá cosa perché vede un po’ pulito (peró se guardi bene mica tanto) e le attezzature nuove, invece, i problemi ci sono pure qui e sono anche belli grossi. In Italia è vero che ci sono problemi ma si stanno dando una mossa e siamo in tantissimi rispetto alla Svezia (più un casino di immigrati che manco si sa quanti siano realmente). In una situazione come la nostra la Svezia sarebbe al collasso peggio dell’Italia, credimi.

        Personalmente parlando, in Italia ho avuto buoni riscontri perfino in campo lavorativo, dove sono stata selezionata per i meriti e senza conoscenze.
        In Svezia, senza conoscenze, almeno nel mio campo ti attacchi al tram.
        Questo per dire che la ruota gira ovunque.
        Buona gravidanza e in bocca alla barnmoska svedese 🙂

  8. Io quando sono approdata qua mi sono detta “povera me, dove sono finita!”
    Non so perché, ma ho visto subito tutti i difetti e i limiti della Svezia – anche se mi piaceva.
    Poi, per carità, ne apprezzo i pregi, altrimenti non ci vivrei. Tuttavia, non ho mai idealizzato questo Paese anzi. Sarà perché essendo di cultura mista e avendo viaggiato da subito (non è un vanto, spesso avrei preferito rimanere in un posto solo) ho capito che ogni Paese faceva di tutto per dare di sé l’immagine migliore nascondendo le pecche.
    Cosa particolarmente vera per i Paesi Nordici, anglosassoni e la Germania.
    Ariciao

    • No, non voglio fare ‘all’italiana’, anche se ammetto che non so cosa voglia dire in termini generici. Se intendi fare la furbetta no, voglio solo avere quello che mi spetta, tipo un cacchio di numero personale in quanto studentessa. Poi per il resto mi adatto, se no non sarei qui, anche io ho viaggiato tanto e abitato in parecchi posti, quindi non parto dall’idea che esistano paesi perfetti!
      Però in un’altra accezione del ‘fare all’italiana’, ovvero riconoscere le pecche, denunciare e lamentarsi e non credere al sistema come il migliore possibile, aaah qui sì che voglio fare all’italiana 😀
      E poi dai, lo avrai notato, mi piace fondamentalmente rompere le balle! Se abitassi in Germania questo blog si chiamerebbe nonsolowürstel e scasserei anche lì.
      Ma tu dove stai di bello?
      Crepi il lupo (non la barnmorska, poverina) e grazie!

  9. Ciao! Anche io sono incinta in Svezia. Vengo dal Lazio e quindi molti dei servizi che sono gratuiti in Toscana, nel Lazio di pagano sotto i 35 anni della gestante (e io ho 34 anni). Vivo a Göteborg e quindi mi hanno chiesto 1900 corone per il Kub test (translucenza nucale) mi è sembrato economico. A parte questo, come disse mio marito, non si capisce che problemi abbiano gli svedesi con la patata di è sorprendente che nessuno ti visiti. Io ho fatto una carrellata di test a gennaio scorso perché ho pianificato la gravidanza ed ero in vacanza in Italia. Quando li ho mostrati qua in Svezia erano tutti sbigottiti, mi hanno chiesto di fotocopiarli perché non avevano mai visto nulla di simile. Li hanno definiti un po’ paranoici ma fighi. Mi chiedevano se fossero la norma in Italia e li guardavano come si guarderebbe qualcosa di mai visto. Ad ogni modo sono riuscita a farmi fare ben sei ecografie qua in Svezia di cui una al Kub test e una facendomi una punta a Malmö per una 45. Le altre di stato. Come ho fatto? Ho detto un paio di cazzate. Gli svedesi stessi mi hanno sempre consigliato di mentire ed esagerare. Funziona. Ma per le visite nulla. Non visitano. Parlano. Credo che gli faccia schifo visitare la gente. Io ho la paranoia della toxoplasmosi anche se non ho gatti qua e credo di essere stata attenta, ma so che in Italia si controlla ogni mese e dunque questo mi mette ansia. Altra paranoia è lo staffilococco beta emolitico, che in Italia si controlla dalla settimana 35 con un tampone. Almeno la mia ostetrica mi ha promesso che ci inventeremo una infiammazione alle vie urinarie per accontentarmi e farmi controllare questa cosa. Più che spartani mi sembrano primitivi dal punto di vista sanitario. Non mi sento in Europa da questo punto di vista. Per l’alcool… Io bevvi del vino e non sapevo di essere ancora incinta (credo di aver bevuto 3 bicchieri di rosso in tutto ed avevo appena concepito da due settimane), ma alla domanda se bevevo alcol ho detto di no, perche credevo intendesse domandarmi se fossi una alcolista o una alcolizzata 😀
    Se mi trovo bene? Non lo so. Mi sento abbandonata dal sistema. Mi domando sempre se sia perché sono italiana, ecco.

    • Ciao Francesca! Innanzitutto congratulescions per il nanetto/nanetta in arrivo, anzi, scusa se ti rispondo adesso.
      In effetti io ho esperienza toscana, dove la translucenza nucale con analisi del plasma è completamente gratuita (almeno per gli squattrinati come me, per gli altri credo ci sia il ticket).
      Complimentoni per le ecografie! Io ho finto di aver paura che mi si fossero rotte le acque all’8° mese perché se no non c’erano versi, e non mi interessa se ho fatto ‘la solita italiana’, io qui pago le tasse, ne pago anche tante, quindi ecco, la volevo. E almeno mi hanno anche visitata, perché come dici tu, qui non esiste. Hanno le sedie ginecologiche ma la baginga non te la vogliono proprio vedere. MAH. Poi oltretutto io ero in ritardo di due settimane, il bimbo non voleva nascere, niente tracciati, nulla di nulla.
      Senti, per la toxoplasmosi stai tranquilla che in effetti è molto difficile prenderla, però capisco la paranoia perché sì ecco, qui la mia ostetrica non sapeva neanche cosa fosse un laboratorio analisi, quindi anche per farmi un esame del sangue era un problema.
      Sono primitivi. Hai detto bene. E’ un sistema sanitario primitivo e è primitiva la gente che ci lavora dentro.
      Per il resto aspetta che nasca il pupo, dice che le attenzioni per l’infanzia siano ottime (io ad esempio ora faccio un corso di massaggi neonatali gratis).
      Ah, e preparati, 5 ore dopo il parto ti mandano a casa e dopo un mesetto ti arriva il conto del parto da pagare. W lo welfare 😉

      • La mia pupa è nata da poco più di una settimana. Precisamente il mercoledì 18 febbraio alle 7:42, il tappo ha iniziato ha sciogliersi lunedì 16 alle 15:30 circa. Mi hanno ricoverato lunedì alle 23 perche vivo su una Isola e necessito di traghetto per arrivare in ospedale. Risultato: mi sono fatta 40 ore di dolori, morfina, ossitocina, gas esilarante (bello quello), tre sacche di epidurale, episiotomia e raschiamento. Ho minacciato denuncie e a quel punto mi hanno seguita, visto che spingeva da sola con mio marito e la mia padrona di casa (che ci ha fatto il favore di aiutarci nel caso, come è accaduto negli ultimi tre quarti d’ora, alla fine il nostro svedese avesse potuto far cilecca). Mi hanno dato il permesso di uscire venerdì anche se mi volevano tenere sabato anche. Ancora attendo il conto. Ripeto: io sto in Västra Götaland. È stato salato il conto?

      • Ah comunque non si capisce che significhi fare “all’italiana” (come diceva qualche super esterofilo più su) , quando sono per primi gli svedesi ad aggirare il sistema è ad INSEGNARE agli stranieri come farlo… 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...