Rårörda lingon, fricchettoni e sindrome di Stoccolma

Ecco, ero sparita. Ogni tanto scompaio a caso. Stavolta sono stata via 5 mesi perché avevo gli ormoni gravidici a giro prima, e un nano urlante tra le braccia dopo.

Ora ho ucciso il nano.

No scherzo, il nano è sempre qui ma adesso ha iniziato a darmi un po’ di tregua, quindi ho il tempo di cucinare, pensare cazzate e, come vedete, scriverle.

Ci siamo lasciati quindi che era autunno. Autunno, tempo di lingon.

Belli i lingon, coloratissimi, profumatissimi e versatilissimi. Sulle polpette alla svedese, sul pane imburrato la mattina a colazione, come bibita, come sciroppo, quando vi pare, dove vi pare. Il sapore acidulo (che ricorda il ribes secondo me, ma diversi svedesi dissentirebbero) rende i lingon adatti a un sacco di ricette.

Che poi ormai lo chiamiamo lingon anche noi, ma che cacchio è sostanzialmente?

lingonberryNome scientifico Vaccinium vitis-idaea, noto come “mirtillo rosso” (da non confondersi con il Vaccinium macrocarpon, che è invece il “mirtillo rosso americano”, ma è meglio conosciuto come cranberry), è entrato nelle case degli italiani grazie, come sempre, a IKEA.

Chuck Norris delle piante, il lingon mantiene le sue foglie per tutto l’inverno: le pesanti nevicate frequenti nelle zone dove questa pianta cresce, infatti, creano uno strato protettivo sulle foglie, riparandole da vento e freddo eccessivo, anche se, ecco, è una viKipianta e tollera temperature fino a -40°C.

Una cosa molto comoda è che anche se non ci fate la marmellata (o sylt) mettendoli a bollire, si conserveranno lo stesso, perché le bacche in generale, e in particolare il mirtillo rosso, sono ricche di acido benzoico.

Ecco, piccola parentesi.

L’acido benzoico (C6H5COOH) è un acido carbossilico che si trova naturalmente in diverse piante e in alcuni animali ma che si può anche produrre in laboratorio. La sostanza è la stessa, identica, solo che se prodotta in laboratorio si sa esattamente quanti milligrammi se ne fanno, se invece si ciuccia da una pianta si sa una sega quanta ce ne va in corpo e dato che l’acido benzoico è tossico a dosi superiori al grammo (che è tanto), magari invece è meglio saperlo.

L’acido benzoico è quello che viene aggiunto come E210 ai cibi per non farveli marcire in casa (che poi sì che farebbero male). Quindi quando i fricchettoni dicono “Buuuuu, qui c’è un conservante che si chiama E e poi un nuuuuumero, bububuuuuuu”, bene, si stanno riferendo alla sostanza che rende le bacche acidule e adattissime a composte e marmellate.

Verdone_RuggeroQuesto lo specifico per i geniacci appartenenti alla filosofia del “Belle le cose naturali, brutta la chimica”. Bene. No. Siete solo molto ignoranti. Ma tranquilli, dall’ignoranza si può guarire.

I chimici non sono persone che si sono riunite per gombloddarvi contro, sciochimicarvi e farvi venire tanti cancri (cosa che invece non si può dire degli omeopati che vi fanno pagare -tanto- per cose che non servono a un CAZZO). A farvi venire i cancri ci pensate già da soli fumando tantissimo (sì, anche l’erba, mi dispiace, perché per quanto sia naturale e simpatica la assumete per combustione, quindi cancro), o facendo droghe mistiche che vi avvicinino alla madre terra.

Vedete, i chimici notano che mangiando un’arancia non ci viene il raffreddore e si chiedono perché, che leccando la corteccia del salice ci passa il mal di testa e si chiedono perché. E allora creano per voi le pasticche di vitamina C e di aspirina per farvi stare bene e agevolarvi la situazione, di modo che se ve ne servono 250 gr. ne prendete 250 gr., se ve ne servono 500 ne prendete 500.

E voi, ingrati, invece le snobbate.

Le snobbate perché pensate che mangiare un’arancia faccia meglio che sciogliere una bustina di acido ascorbico (bruuuutti i nomi chimici) nell’acqua, che usare una bacca di vaniglia nei dolci con tutti i semini che vi entrano sotto le unghie sia meglio che usare la vanillina. E invece è uguale. Poi certo, in stretti termini di soddisfazione, un conto è mangiare una bistecca di chianina e un conto prendere le pasticche di ferro, ci mancherebbe. Se ne fate una questione di godimento io vi sono nel cuore.

Senza contare che un bicchiere di spremuta, una bacca di vaniglia, un filetto di salmone (oltre a fare gola), costano sicuramente meno di vitamina C, vanillina e omega3.

Ma, in tutta la mia franca opinione, chiunque pensi che “il naturale fa meglio” è un ignorante beato, nel senso che non si pone il problema di non saperne un cazzo e di andare a informarsi (secondo voi io sapevo cos’era l’acido benzoico?!), ma si crogiola nella sua ignoranza e pretende anche di insegnare cose che il suo cervello formato lenticchia non gli permette di capire.

Solo io riesco a farmi partire la vena mentre parlo di bacche. Grrrrr.

Bene, a parte la mia misantropia (in effetti questo blog dimostra come non ci sia una categoria umana che in effetti mi piaccia, ecco perché finirò la mia vita con due dozzine di gatti che mi mangeranno la faccia quando sarò mezza decomposta e i vicini si accorgeranno della mia presenza perché il mio cadavere puzzerà), c’è una sottile differenza tra lingonsylt e rårörda lingon:

  • il lingonsylt è una specie di marmellata, si bollono le bacche in poca acqua e si aggiunge lo zucchero (60 parti di frutta, 40 di zucchero). Dovete mescolare i frutti finché non si sfanno e passarli, in modo che non ci siano pezzettoni. Il frutto contiene molta pectina (buuu, roba chimica) quindi si trasforma da solo in una roba abbastanza gelatinosa e marmellatosa.
  • rårörda lingon sono invece più artigianali, c’è molto meno zucchero, non si bollono per tanto e i frutti sono solo leggermente sfattini, rimangono abbastanza compatti.

La cosa bella di quando arrivano i lingon è che tutte le bancarelle dei mercati diventano rossissime e voi verrete rapiti dai colori e dai profumi autunnali nelle piazze del regno di Svezia.

E io ho usato la parola “rapiti”. Perché voi non ve ne accorgete ma tutte queste strategie testuali e rimandi interni che rendono i miei post simili a romanzi di Calvino, ma con l’attenzione al dettaglio di Flaubert, l’indagine psicologica di Dostoevskji e la memoria privata di Proust (gente che avrebbe venduto l’anima al diavolo per scrivere su nonsolopolpette), hanno una ragione d’essere.

Perché può capitare di essere rapiti e di innamorarsi del proprio rapitore, e questa cosa, che ci crediate o no, è strettamente legata alla Svezia.

Si chiama infatti “sindrome di Stoccolma“, ma non tutti sanno perché.

Dunque, la sindrome di Stoccolma innanzitutto è un meccanismo di difesa psichica per cui la vittima di un’aggressione o un rapimento prova verso il suo aguzzino sentimenti di solidarietà e persino innamoramento.

Il suo nome deriva da un fatto di viKicronaca: nel 1973 un evaso di nome Jan-Erik Olsson decide di rapinare la Kreditbanken di Stoccolma (evidentemente era scappato di galera ma era anche ansioso di ritornarci), prende quattro ostaggi, tre donne e un uomo, e chiede di poter avere lì con lui anche il suo ex compagno di cella, Clark Olofsson.

Gli ostaggi biondeggiano sulla sinistra e il rapitore rubacuori spunta da destra

Gli ostaggi biondeggiano sulla sinistra e il rapitore rubacuori spunta da destra

Tutta questa bella génte passa una sei giorni di sole cuore e amore. Il rapitore è gentilissimo con le vittime e le vittime dicono di aver nettamente più paura degli sbirri che del buon Jan-Erik. Fuck da police.

Cercano di vivere armoniosamente ma i suddetti sbirri si sfavano di aspettare, buttano delle bombette puzzolenti e li obbligano a uscire.
Ovviamente la vicenda fa il giro dei giornali di tutto il mondo, e per la prima volta si compie una perizia psichiatrica sulle vittime.

Ora, non ci vuole l’ispettore Derrick per capire che se uno mi minaccia io cerco di lisciarmelo più che posso, invece di fare la smargiassa. Ma la sindrome di Stoccolma è un’altra cosa.

Non è un atto volontario e razionale di rabbonire il rapitore; è una reazione totalmente inconscia, che avviene quando lo stress psichico è massimo e il cervello va da solo senza che tu possa pilotarlo in alcun modo, regredendo nelle età psichiche.

Se si pensa a questa regressione, è facile quindi, freudianamente, associare i rapitori a quelli che quando eri bimbo ti rompevano i maroni, ti impedivano di uscire, ma allo stesso tempo ti garantivano la sopravvivenza. Ed ecco perché l’affetto verso il rapitore diventa simile all’amore edipico.

Ecco, ora potete fare gli splendidi coi vostri amici sulla sindrome di Stoccolma.

Intanto godetevi questa salsa/marmellata, sapendo che sta benissimo sulla carne di porco, sui pesci con un sapore forte (come le aringhe, ma che v’oo dico affa’?), e con la selvaggina. Sulla renna il lingon è la morte sua.

INGREDIENTI PER 2 PORZIONI:

  • 150 gr. di lingon
  • 40 gr. di zucchero
  • 3 cucchiai d’acqua

PREPARAZIONE

In un pentolino mettere le bacche con l’acqua e lo zucchero, scaldare a fuoco basso e mescolare finché i lingon saranno leggermente sfatti. Facile, no?

Rårörda lingon pronti! Foto di Gianluca La Bruna www.gianlucalabruna.com gianlucalabruna.tumblr.com

Rårörda lingon pronti! Foto di Gianluca La Bruna www.gianlucalabruna.com gianlucalabruna.tumblr.com www.gianlucaphotography.com

Buon appetito!

I.

Annunci

War is not over (at least not in Sweden). I non pacifici viKi, la Guerra di Finlandia e la romsås

Oggi ho deciso di parlare di guerra.

Così, perché agli svedesi gli garba parecchio dire che sono pacifici, che in guerra non c’entrano mai, che sono il popolo più pacioccoso del mondo, salvo poi essere i primi produttori di mine antiuomo, vendere armi a destra e a manca, essere pionieri dell’aeronautica militare nella produzione di caccia multiruolo a decollo verticale di ultima generazione (tipo il simpatico Saab Jag-39 Gripen), finanziare megaindustrie missilistiche in Arabia Saudita e Pakistan (della serie, boia, e poi vuoi processare Assange perché non sei d’accordo su come tratta le donne!), avere l’industria bellica come il primo datore di lavoro privato del paese, essere il terzo paese al mondo per valore pro-capite nell’export di armi dopo Israele e Russia, aver mandato i suoi soldatini in Bosnia e Kosovo, essere stata tra i paesi più entusiasti per la guerra nella campagna in Libia e avere un contingente in Afghanistan.

viKisoldato in Afghanistan. Possiamo notare i classici simboli di pace: bandiera, divisa, mitra, sguardo cattivo, etc.

viKisoldato in Afghanistan. Possiamo notare i classici simboli di pace: bandiera, divisa, mitra, sguardo cattivo, etc.

E ve l’ho già detto ma lo ridico: una testina di minchia svedese che ho avuto la disgrazia di conoscere, quando feci notare che la Svezia era in guerra, mi disse: “Guarda che noi siamo in Afghanistan in missione di pace“. Capito?

Un paese che ufficialmente non fa parte della NATO, ma che ha con la NATO una particolare partnership, per cui partecipa alle sue campagne militari pur senza farne parte.

Il final boss del paraculismo.

Quindi NO. Ho deciso che si parla di guerra, cazzo. Anche se la guerra di cui sto per parlarvi è finita già da un po’ di tempo.

Oggi infatti vi puppate un post storico e magari vi fate anche una cultura sulla storia moderna. Capre!
Si parla della guerra di Finlandia, ovvero quel conflitto che vide la perdente Svezia firmare il Trattato di Fredrikshamn perdendo così ogni diritto sulla Finlandia.
Con buona pace dei finlandesi, penserete voi. Beh, non proprio perché la Finlandia passò sotto il controllo russo, e anche i Russi non sono esattamente dei pezzi di pane, chiedete ai Ceceni.

Ad ogni modo gli eserciti dell’Impero Russo di Alessandro I e del Regno di Svezia di Gustavo IV prima e Carlo XIII poi si fronteggiarono per più di un anno, dal febbraio del 1808 al settembre del 1809.

L’antefatto, come quasi ogni antefatto nella storia europea dell’800, riguarda Napoleone: il nanetto infatti aveva riconosciuto alla Russia ogni sua pretesa egemonica sulla viKinghia, dal momento che questa era alleata con i British, fumo negli occhi per la Francia imperiale.
In questo modo Napoleone sperava che di fronte a un avversario come la Russia (sì ecco, non Guasticce) gli svedesi avrebbero abbassato il crestino, sciolto l’alleanza con il Regno Unito e aderito al Blocco Continentale.

Nano che ha rotto le balle all'Italia prima del duce e di Berlusconi

Nano che ha rotto le balle all’Italia prima del duce e di Berlusconi

Dal canto suo, lo zar puntava alla Finlandia, che ha sempre fatto gola a tutti per la sua posizione superstrategica, i laghi, il death metal, il Nokia 3210, Haikkonen & Räikkönen e Babbo Natale, e ci spostò tutti i suoi carrarmatini del Risiko.

Gli Svedesi, per esprimersi in regali termini, si trovarono allora col culo scoperto, perché il grosso del loro esercito doveva tamponare un possibile attacco al Sud del paese da parte dei Danesi, che erano invece alleati di Napoleone, e che in effetti attaccheranno dopo poco senza però raggiungere nessun cambiamento territoriale, e quindi nessun risultato se non la morte di non so quanta gente (e di cavalli. Nessuno si chiede quanti cavalli in media morivano nelle guerre del passato, chissà).

Insomma, i Russi conquistano la Finlandia meridionale in poco tempo incontrando molta poca resistenza (o provaci te a resistere all’esercito russo? Un po’ come il Tibet che fa il pacifico con la Cina… grazie al piffero, sarei anche io pacifica contro la Cina, capirai).

Ma gli svedesi contrattaccano e riescono comunque a bloccare l’avanzata russa nella Finlandia centrale, vincendo dignitosamente anche qualche battaglia (ecco, non come la resistenza francese della Seconda Guerra Mondiale che è consistita in un mettersi tutti a pecorina e sperare che finisse presto, e poi si vantano anche di averla vinta la guerra, così son boni tutti).

Siamo al punto che i viKi se la stavano anche cavando bene, e poi ecco, non dimentichiamoci che erano alleati con l’Impero Britannico, voglio dire, non l’ultimo degli stronzi, dato che ha colonizzato più o meno tutto l’orbe terracqueo. Era però un’alleanza del menga, perché gli Inglesi ci provarono anche a inviare un contingente nel porto di Göteborg, ma visto che il generale John Moore e il re Gustavo IV si becchettavano come galline, il contingente venne levato di torno e inviato in Spagna, e agli svedesi rimase una misera flottina di sostegno. Questo vi sia di insegnamento: se avete l’Impero Russo che vi vuole menare, magari evitate di sclerare col generale inglese vostro alleato, se no poi è peggio per voi.

Nazioni invase dalla Gran Bretagna (quelle rosse)

Nazioni invase nella storia dalla Gran Bretagna (quelle rosse)

I Russi infatti si inalberano e prendono gli svedesi a schiaffi coi piedi (nonostante una sonora sconfitta nella battaglia di Jutas il 13 settembre) e li obbligano a sgomberare dalla Finlandia.

Dopo queste vittorie però, non si capisce bene perché (dice perché l’inverno era arrivato molto presto in Finlandia quell’anno e il generale non voleva rischiare, ma io sinceramente dubito che un russo a caso si faccia intimidire da condizioni climatiche avverse), il generale russo dal temibile nome di Fyodor Fyodorovich Booksgevden si caga sotto. Esatto. Nonostante si chiamasse Fyodor Fyodorovich Booksgevden. Quest’uomo chiede una tregua.

Lo zar cosa fa allora secondo voi? Si incazza, ovviamente, lo manda a chiamare, gli dice “Nini, non puoi cagarti sotto come la nazionale di Prandelli”, lo caccia e lo sostituisce con Bogdan von Knorring, Knorring come il dado Knorring, a cui rompe le balle affinché la faccia finita una volta per tutte e sbaragli il viKiesercito. Ma anche lui è prudente, se la prende con c-c-comodooo come i Lil Angel$ e aspetta la primavera dell’anno successivo.

Che poi è una primavera solo sulla carta, quella del marzo sul golfo di Botnia, perché dopo l’ordine del generale Knorring le truppe russe marciano sul golfo ghiacciato per andare a divaricare i viKiani, quindi ecco, se in primavera marci su un mare ghiacciato, mi chiedo cosa tu faccia d’inverno.

Mentre i russi son lì che camminano sul mare come Gesoo, a Stoccolma avviene un golpe, perché l’esercito dà la colpa a Gustavo IV di non aver saputo gestire la faccenda con i russi e aver perso la Finlandia, e lo detronizza. Sul trono sale allora Carlo XIII.

I russi intanto si sono divisi in tre frange; una ha preso le isole Åland, una ha preso Umeå, e una si è fermata a 70 km da Stoccolma.

Ma Carlo XIII serve alla Svezia come (e qui cito un leggiadro detto livornese) “il cazzo alle vecchie”. Diciamo che ormai la guerra è persa, il buon Carlo cerca solo di ottenere migliori condizioni di pace e negozia fino alla morte.

Io ora non so dirvi se era meglio se chiamava Samuel L. Jackson per una negoziazione o se alla fine questo era comunque il meglio che sarebbe riuscito a fare, considerata la situazione, sta di fatto che con il trattato di pace di Fredrikshamn la Svezia cede alla Russia la Finlandia e parte della Lapponia (territori che poi la Russia unisce), e poi viene obbligata ad aderire al Blocco Continentale e dichiarare formalmente guerra al Regno Unito.

Insomma, usciti malissimo, poveracci.

“Obladì Obladà” “Quella… vuoi chiudere quella boccaccia? Non Lennon, Lenin! Vladimir Il’ič Ul’janov!”  Trovatemi la -facile- citazione e avrete il mio amore

“Obladì Obladà” “Quella… vuoi chiudere quella boccaccia? Non Lennon, Lenin! Vladimir Il’ič Ul’janov!”
Trovatemi la -facile- citazione e avrete il mio amore

Ma usciti ancora peggio direi i Finlandesi, che dovranno aspettare il grande Lenin, che farà un bel po’ di casino nel ’17 e avrà grane più grosse a cui pensare piuttosto che all’indipendenza finlandese.
Quindi i finnici dichiarano la loro indipendenza, provano per un po’ la monarchia ma (in questo di molto superando in argwzia i viKi) capiscono che è una cagata e dopo una guerra civile diventano nel ’19 la Repubblica di Finlandia che tutti conosciamo.

Così finisce la triste storia della guerra di Finlandia. Con l’esercito svedese che soccombe miseramente.

Il luogo che si considera essere la Waterloo dell’esercito di Svezia nella guerra di Finlandia è Kalix, cittadina svedese del Norrbotten, abitata da poco più di 7.000 anime.

A Kalix si trova una specialità marchio DOP dell’Unione Europea e sarebbe il caviale di Kalix, o Kalix Löjrom. In realtà “caviale” si dice solo rom, il löjrom è più specificamente il caviale di coregone bianco, salmonide molto comune nel Mare del Nord e nel Mar Baltico.

Quello di Kalix è però una roba a sé, perché a causa dei miliardi di fiumi intorno alla città che si riversano in quel tratto di mare (tanto che il golfo di Botnia ha acqua dolce nonostante sia un mare, ecco perché a marzo ci puoi camminare sopra), la carne e le uova di questo pesce lì hanno un altro sapore. Queste acque ricche di oligoelementi come Bromo, Bario (BReaking BAd), Stronzio, Iodio, Selenio, Molibdeno e Litio rendono infatti il Kalix Löjrom unico e ricercatissimo, tanto da essere presente nel menu di quasi tutte le cene del premio Nobel.

Per fare il piatto di oggi, che è la romsås, una salsa a base di uova di pesce, si raccomandava l’uso del caviale di Kalix. Ma siccome io non ho a cena il re di Svezia né un’armata di sapientoni su tutti i campi dello scibile umano provenienti da tutto il mondo, e sono povera in canna, ho deciso di sostituire il caviale di Kalix con delle banali uova di salmone, tanto insomma, ‘sto coregone bianco è un salmonide, quindi va bene.

Questa salsa è ottima su ogni tipo di pesce, soprattutto il salmone, ma è ottima anche per fare degli sfizioserrimi crostini. In questo caso consiglio di guarnire poi il crostino con aneto o erba cipollina, come preferite.

INGREDIENTI PER CIRCA 3 DL DI ROMSÅS (CIRCA 6 PERSONE):

  • 1 dl di panna acida o gräddfil (vi consiglio di dimezzare la mia ricetta)
  • 1 dl di maionese
  • qualche goccia di succo di limone
  • 2 cucchiai abbondanti di uova di salmone (o di coregone bianco di Kalix se ve la sentite)
  • 1 pizzico di sale
  • 1 pizzico di zucchero
  • 1 spolverata di pepe bianco
  • un pochino di aneto spezzettato finissimo

PREPARAZIONE:

Mischiare la panna alla maionese e aggiungere sale, zucchero e pepe.

Aggiungere il limone, le uova di pesce, l’aneto spezzettato e mescolare delicatamente.

Buon appetito!

I.

Plat du jour: Bearnaisesås. Lavarsi le cul, parlare usando il français ed emettere sjtrani sjuoni.

Salsa molto stronza da cucinare, la bearnaisesås non è un piatto svedese. E questo ve lo sparo così all’inizio perché ci sarà sicuramente tra voi qualche fastidioso saccente che avrà pensato con la faccia di Yao Ming: “Bitch please, la salsa bernese è bernese e non svedese”.bitch-please-meme-generator-bitch-please-51d085

Ed io questo sollo, ma ciò che ignorate voi testine, è che in Svezia la salsa bernese la infilano dappertutto. Al MacDonald i viKi ci inzuppano le patatine, la schiaffano sull’insalata, sui funghi, sulla carne, sul pesce, sui gamberi, ci si lavano i denti, la usano come abbronzante, le svedesi se la ritrovano nelle perette di Tantum rosa, insomma, è una maledizione.

E’ talmente una maledizione che una volta un viKi (simpatico, un po’ tardo ma simpatico) mi disse: “Ah sei toscana? Bello, io sono stato a Firenze, e mi ricordo che ho chiesto la bistecca alla fiorentina ma mi sono meravigliato… non c’era sopra la salsa bernese“…
Ecco, in quel momento (lasciando perdere la mia reazione che prevedeva il brandire una croce e gridargli contro “Vade retro”) ho effettivamente capito che gli svedesi non si pongono il problema di assaporare. Perché se senti il bisogno di una qualsiasi salsa sulla fiorentina vuol dire che sei geneticamente differente. Come i cani di Pavlov: ciotola rossa = bava; carne = bearnaisesås.

E a proposito di ciò notiamo subito come infatti la bearnaisesås sia componente eccelsa di molti piatti italiani farlocchi. Non solo della bistecca alla fiorentina: tra tutti facciamo un minuto di silenzio per la generica bearnaise-pasta, le specifiche bearnaise-lasagne e l’abominevole bearnaise-pizza. Oh yes.

Bearnaise -pasta, -pizza e -lasagne

Bearnaise -pasta, -pizza e -lasagne

Quindi capite che anche se tecnicamente questa salsa non è svedese-svedese, è svedese di adozione, come tantissimi piatti di tantissime cucine, la nostra compresa.
Lo sapete come si dice sia nata la carbonara, no? Pare da uova in polvere e bacon essiccato che i soldati americani seminavano ovunque durante la liberazione. Dunque, come vedete, c’è chi crea un superlativo primo piatto da scarti yankee, e chi crea la bearnaise-pizza. Il mondo è bello perché è vario.

La salsa bernese non è di Berna, cosa che pensavo fino a ieri, ma del Béarn, area dell’Aquitania, nella Francia sud-occidentale, famosa per la grande tradizione gastronomica e per aver dato i natali, tra gli altri, al sociologo Bourdieu, allo stilista Courrèges e al generale napoleonico che diventò poi il re Giovanni Carlo XIV di Svezia dando origine alla stirpe dei Bernadotte, famiglia reale svedese che, come vedete, è sempre in mezzo ai coglioni (chi è interessato ad approfondire la questione del viKitrono può leggere qui).

Ma gli svedesi non hanno preso dalla Francia solo la salsa bernese e Sua Maestà.
Diciamo che a partire dalla metà del XVII secolo un po’ tutti in Europa, non solo i viKi, hanno subito il fascino dei nostri cugini con l’r moscia, nella cosiddetta “gallomania“, sviluppatasi a causa della centralità politica, della potenza militare, della forza economica, della capacità innovativa del sistema tecnologico e scientifico e del prestigio culturale e letterario del paese in cui si compra il pane, ce lo si strofina sotto le ascelle e ce lo si mangia.

E allora ecco che accendiamo l’abat-jour, diamo il biberon ai bimbi e cerchiamo di rispettare il bon-ton mentre sorseggiamo con tutto il nostro charme una flûte di champagne dall’ottimo bouquet e dal fine perlage (parola che oltretutto è stata bellamente inventata, dato che il perlage i francesi lo chiamano effervescence).

Questo è probabilmente l'uso che i viKi fanno del bidet quando sono in vacanza in Italia

Questo è probabilmente l’uso che i viKi fanno del bidet quando sono in vacanza in Italia

Potrei anche aggiungere che ci laviamo il culo nel bidet, però quella è tragicamente una cosa che facciamo solo noi del Belpa.
I viKi non lo hanno mai fatto e anzi, tornando al leitmotiv del sono-svedese-e-ti-prendo-per-il-culo-per-cose-per-cui-dovrei-solo-tacere, una di loro ha addirittura osato esordire con “Ahahahah! Ma te lo usi davvero quel coso?” e io: “Ovviamente, e se fossi in te non sghignazzerei tanto, cara la mia sudicia” e lei: “Guarda che noi in Svezia ci facciamo la doccia tutti i giorni”.

Ommmmmmmm… Irenenonusareilcoltellocomeshurikennnnnnnn… Ommmmmmmm….

Bene cari viKi (ma non solo), dovete sapere che ANCHE NOI TERRONI CI FACCIAMO LA DOCCIA TUTTI I GIORNI. Basta con il mito che se hai il bidet non ti fai la doccia. Non sostituisce la doccia, quel cazzo di bidet, nel senso, avete mai visto una casa italiana senza doccia? No, noi ci facciamo la doccia e IN PIU’ ci laviamo il culo. E lo rivendichiamo con orgoglio. Fatevene una ragione. Ed è inutile che ridacchiate, non sentitevi ganzi, perché siete dei puzzoni.

Ecco, scusate, mi lascio prendere molto dall’argomento “bidet“.

Comunque, i viKi almeno non lo hanno mai avuto, i francesi a dire la verità ce lo hanno avuto, anzi, lo hanno persino inventato (come dimostra il calco linguistico con cui designiamo l’oggetto in questione), quindi un tempo si sono anch’essi lavati le pudenda reiterate volte al giorno, però poi hanno smesso. E questo rende la loro posizione più grave. Meglio essere nati zozzi o avere deliberatamente scelto di abbandonare la pulizia?

Ma sto andando off-topic come sempre.

Dicevo. Il fatto che la Francia fosse trendy un casino, ha portato ad una quantità impressionante di gallicismi in moltissime lingue, tra cui lo svedese.

Dovete sapere che in svedese c’è un suono molto simpatico, il temibile sj-ljudet [ɧ], ovvero una consonante fricativa dorsopalatale velare sorda, che esiste solamente nello svedese (e anche nel kölsch, a dire la verità, un insieme di forme dialettali della lingua ripuaria, appartenente al gruppo del tedesco centrale, parlato circa da 250.000 persone nella città di Colonia e dintorni).

Ecco, in svedese però questo fonema, a differenza che nel kölsch, può essere realizzato tramite un numero potenzialmente infinito di foni.
Ci tenete davvero alla spiegazione della differenza tra fono e fonema? Perché se fosse per me, io potrei andare avanti delle ore, ma poi questo blog non lo leggerebbe più nessuno… Dai, faccio veloce: il fono è il suono scientifico, quello che davvero si produce o si ascolta; il fonema è invece una specie di ‘immagine virtuale’ di quel suono anche se realizzato in diversi modi. L’esempio classico in italiano è la r moscia come difetto di pronuncia (o rotacismo): anche se realizzata diversamente è percepita comunque come una r.
Per cui è come se tutti gli italiani facessero la come cazzo vogliono e fosse comunque percepita da tutti come r. Già ci sono un sacco di r mosce in giro, quella snob a V, quella francese, quella che abolisce del tutto il suono ‘r’, quella dura tedesca, quella a G che di solito hanno i giornalisti del Tg5, etc. Però rientrano tutte nei difetti di fonazione. Questo fonema in svedese invece funziona come se tutti avessero stabilito che si può fare un po’ come cazzo ci pare, anzi, non è “come se”, è proprio così.

Ecco, i linguisti su questa oscillazione del sj nello svedese ci sono andati in paranoia. Alcuni hanno cercato di ricostruire ogni cazzo di singolo fono in cui questo fonema è prodotto, con l’uso di simboli fonetici piuttosto bizzarri, come [fˠʷ], [x̞] o [x̟]. Ma sono solo alcuni dei miliardi di suoni che vengono associati a questo fonema.

Io ho provato ad ascoltare i viKi attentamente, per carpire il segreto di questo suono, mi ci sono intrippata, e sono giunta alla conclusione che ogni svedese articola questo suono in più o meno 5 diversi modi a seconda della circostanza, della parola, e del tasso alcolico nel suo sangue; e dal momento che gli svedesi sono 9 milioni, la mia ricerca empirica dimostra che ci sono 45 milioni di modi di articolare questo suono.

Ovviamente dipende molto anche da che parte della Svezia si viene: nel nord il suono è articolato più o meno come la nostra <sc> però con la punta della lingua sollevata che tocca quasi il palato ([ʂ]), nel sud invece si può sentire pronunciato simile alla scatarrata olandese ([ɧx]).

Addirittura alcuni linguisti sostengono che, dato che il fono [ɧ] indica due punti di articolazione (velare sarebbe nella gola, e dorsopalatale sul palato), si dovrebbe fare un suono su due punti diversi della bocca, e per questi linguisti le consonanti ‘doppiamente articolate’ non esistono. Quindi è tutta immaginazione.

Con questo ci si può orientare un po'

Con questo ci si può orientare un po’

Ma in realtà gli svedesi sono capaci di fare suoni alieni, per cui secondo me sono anche capaci di fare fricative quintuplamente articolate così, a richiesta. E magari contemporaneamente fanno i giocolieri con una decina di polpette IKEA.

Allora vi faccio sentire qualche esempio di diverse articolazioni, però siccome non avevo molta voglia di ascoltarmi 45 milioni di registrazioni, ve ne metto solo qualcuna. Tutti questi omini che parlano sono madrelingua, quindi se qualcosa non vi torna rifatevela con loro.

Allora, abbiamo la parola själ (“anima”), la parola själv (“stesso”), la parola skär (“scalpello”) e la temibile parola sjuksköterska (“infermiera”).

Ci si fanno anche degli scioglilingua, ad esempio con sju sjösjuka sjömän (“sette marinai con il mal di mare”), che io ho trovato solo nella sua forma breve ma che in realtà è più lungo: sju sjösjuka sjömän sköttes av sju sköna sjuksköterskor (“sette marinai con il mal di mare sono curati da sette belle infermiere”).

Come avrete notato il suono sj non si scrive solo <sj>, perché sarebbe troppo facile, e i viKi sono caccosi, non gli va che la loro lingua sia troppo intuitiva o che ci sia una corrispondenza tra grafia e scrittura, sarebbe troppo semplice. Voi però finora avete visto solo <sj> e <sk>, ma sappiate che si può scrivere in moltissimi altri modi.

Quindi, ricapitolando: oltre ad essere un fonema che si può realizzare attraverso millemila foni, si può anche scrivere attraverso millemila grafemi. E questo fa sì che lo svedese appartenga di diritto alle cosiddette lingue confusedove possiamo avere 50 scritte diverse ma che si pronunciano nello stesso modo, vedi il francese e la stessa pronuncia di vingt, vain, vin, vint, o una parola che non si può minimamente supporre come si pronuncerà, e l’inglese qui vince a mani basse: perché la doppia in blood è diversa da quella in good? E heart/beard/heard? E poi, provate un po’ a scazzare come si pronunciano indict, gunwale, ere, sword o choir.

E questo modo di scrivere in tanti modi diversi quello stupido suono sj, è strettamente collegato al discorso sul prestito dal francese di cui vi parlavo prima, perché gli svedesi per fare i fighi hanno deciso che tutti i gallicismi che in francese hanno il suono j, o ch, o finiscono con –tion, –sion, o altre regoline di cui so una sega, devono avere quel maledetto suono.

E questo ha ovviamente accresciuto notevolmente il numero dei modi in cui il suono sj si scrive.

Alcuni ne hanno contati una sessantina, ma in realtà è difficile da stabilire, perché i linguisti non concordano mai su nulla, e poi perché ci sono migliaia di dialetti che pronunciano con questo suono anche altri grafemi.
Comunque qualche esempio: <ch> (champinjon), <dsk> (gudskelov), <g> (gélé, e anche <rsg> in krusbärsgélé), <gi> (religiös), <i> (motion), <j> (journalist, e anche <rj> in superjournalist), <rsi> (version), <rsk> (försköna), <rskj> (förskjuta), <stj> (stjärna, e anche <rsstj> in pappersstjärna e <rstj> superstjärna), <sch> (schema), <sh> (Shanghai), <si> (television), <ski> (Nordenskiöld), <skj> (skjuta), <ssi> (passion), <ssj> (hässja), <stg> (gästgiveri), <sti> (Kristianstad), <ti> (station), <xi> (reflexion), <xj> (Växjö), e altri.

Ecco, questo era giusto per darvi un assaggio di fonetica svedese che, com’è noto, è uno degli argomenti più cercati sul web. Google mi informa che è al terzo posto nelle ricerche degli italiani dopo “tette di Belen” e “migliori gol della Juve”.

Quindi se vi capitasse mai di avere davanti un viKi incazzato che vi punta una pistola alla tempia minacciandovi di spararvi in mezzo agli occhi (come si fa con gli alci) se non pronunciate bene una parola, sappiate che quando vedete una parola svedese palesemente di origine francese che finisce con -ion, o che ha delle ch, delle sh, delle j a caso, state sicuri che dovete fare quel suono strano.

A volte mi chiedo come potreste continuare a vivere senza di me.

Tornando alla nostra salsa, è una menata, vi avverto. Dovete mescolare mentre aggiungete cose e molto probabilmente vi impazzirà. O forse lo fa solo con me che non so cucinare.

INGREDIENTI PER CIRCA 8 PERSONE:

  • 200 gr. di burro leggermente salato
  • una tazzina da caffè di aceto di vino bianco
  • una tazzina da caffè di vino bianco
  • 1 scalogno
  • due cucchiai di dragoncello tritato
  • due cucchiai di cerfoglio tritato (o prezzemolo, dato che il cerfoglio non si trova)
  • abbondante pepe nero
  • 4 tuorli
  • sale q.b.

PREPARAZIONE:

Sciogliete il burro in un pentolino e fate raffreddare.

Portate a ebollizione l’aceto e il vino in cui avrete messo lo scalogno tagliato molto sottile, un cucchiaio di dragoncello, un cucchiaio di cerfoglio e una bella spolverata di pepe.

Fate bollire per circa 10-15 minuti, dopodiché filtrate e conservate il liquido.

A bagnomaria mettete a cuocere il liquido filtrato, sbattete leggermente i tuorli e aggiungeteli mescolando continuamente con una frusta.

Aggiungere a poco a poco il burro e continuare a mescolare finché la salsa non risulta spumosa.

Fate raffreddare continuando a mescolare con la frusta e aggiungete un cucchiaio di dragoncello e uno di cerfoglio.

Aggiustate di sale.

Bearnaisesås pronta!

Bearnaisesås pronta!

Buon appetito!

I.

Warning: explicit content! La svampsås e le ricerche più malate nelle stats di nonsolopolpette

Vi posto una ricetta svedese, come sempre, ma a differenza delle altre volte oggi non vi parlo della Svezia. Sì perché è un periodo in cui tutti fanno un po’ come cavolo gli pare, tipo il papa che si dimette, e allora lo faccio anche io.

No in realtà è perché devo condividere con voi qualcosa da molto tempo ed è giunto il momento.

Forse lo sapete già, ma se non lo sapete ve lo spiego…

Dalle statistiche del mio blog riesco a vedere tante cose interessanti su voi poveri stolti che capitate su nonsolopolpette.

So chi sono i miei followers (e a proposito, grazie), so quali sono i vostri post preferiti, so su quali immagini cliccate più spesso (un giorno di questi ci metterò un culo, così giusto per vedere quanti clic si becca), so la media dei visitatori al giorno e il totale dei visitatori di sempre, so tutto.

Tiè, vi ci piazzo un'altra foto di alce, così mi becco un casino di altri viewers in più. E la aggiungo anche nei tag.

Tiè, e io vi ci piazzo un’altra foto di alce, così mi becco un casino di altri viewers in più. E aggiungo anche “alce” nei tag.

So quali sono le tag che hanno riscosso più successo, e incredibilmente “alce” vince a mani bassissime su tutte le altre, perfino su “fika” e “fika svedese”. Senza l’alce questo blog non se lo inculerebbe nessuno. Non lo avrei mai detto.

So anche da che parte del mondo venite.

Ecco, a tal proposito vorrei ringraziare i viewers più esoticamente assurdi di tutti: cari pakistani, kenioti, portoricani, bosniaci, filippini, canadesi, taiwanesi, abitanti degli Emirati Arabi Uniti (che si chiameranno come? Emiratini? Emiratarabiunitesi? Emiratioti?), etc.: cosa ve ne frega dei vaneggiamenti italiani di una deficiente sulla Svezia e la cucina svedese?!
Voglio dire, io vi ringrazio sentitamente, ci mancherebbe, ma mi chiedo davvero che cosa vi abbia portato qui. Insomma, se volete darmi una spiegazione potete scrivermi un’email quando volete, mi farete solo felice.

Ma la cosa in assoluto più divertente è vedere attraverso quali ricerche Google voi approdate qui.

Io mi diverto in molti modi strani: scrocchiarmi una scapola facendomela uscire da sotto il braccio; staccare l’etichetta della birra cercando di non lasciare neanche un micropezzettino sulla bottiglia; aspettare che i miei gatti abbiano finito di leccarsi completamente, intingere un ditino nell’olio e poi tempestarli di ditate così che devono rincominciare tutto da capo, etc.

parentaladvisory

Ma niente al mondo mi fa divertire di più che leggere le vostre ricerche.

Perché scopro innanzitutto che c’è tanta gente malata, e vabbè, questo si sa. Ma ciò che mi rende orgogliosa è che questa gente malata capita tutta sul mio blog! Che onore!

E allora io vi dico qualche ricerca che mi è particolarmente piaciuta.

Divido per sezioni di utenti e specifico che cosa questi individui abbiano cercato:

1) Amanti di pratiche “sessuali” (chiamiamole così) varie: “shitting nella vasca da bagno video”, “palline di carne dentro la vagina”, “salto dell’alce nel sesso” (io conoscevo quello della quaglia), “rimming fatto da donne italiane”, “gusto il cazzo come salsiccia” (occhio a non mordere, però), “figa e la pioggia dov’è”, “bei culi con leggins”, “olio di senape si può mangiare sul pene” (boh, se ce lo metti e poi te lo mangi, direi di sì, però fai caa’), “noce moscata nella figa”, etc.

2) Altri sessuomani a cui interessa in particolar modo la Svezia: “culi di maiale svedesi”, “youporn svedese con uomini di colore”, “la figa pelosa di una svedese”, “svedesi cazzo piccolo”, “concorso per la fica pelosa svedese più bella” (esiste davvero?!), “cazzi mosci svedesi”, etc.

3) Polemici: “svedesi di merda”, “ikea e una merda” (been there, done that), “ikea = sfruttamento”, “svedesi razzisti”, “Stoccolma quartieri ghetto”, “letto ikea rotto” (e mo’ so cazzi tua), “svedesi se la tirano”, “basta svedesi xenofobi”, etc.

4) Surrealisti: “cosa manca allo sciacquone l’acqua o il vino” (giuro), “patito aneto nela” (qui leggiamo anche del dadaismo), “merdone animale”, “festa re fagiolo jeans”, “droga svedese biscotti”, “lumini tutti”, “donne estremamente pellose che pisano” (surrealsessuale con refusi), etc.

5) … Perché?: “cinghiali stilizzati”, “quadro elettrico per scania”, “mangiare con gli occhi massimo alberini” (ma cu minchia è Massimo Alberini?), “rinfrescarsi in ammollo”, “vorrei cambiare la mia pagina di facebook dalla lingua araba all’italiano perché non conosco l’arabo” (non fa una piega), “qual è la canzone che fa tomorroooooooooooow” (grazie per l’acuto scritto, comunque se cercavi la fastidiosa canzone cantata dall’altrettanto fastidiosa bambina nel musical Annie, prova qui), “sfigati che scatenano litigi”, “come sbucciare le patate lesse” (seriously?), etc.

In particolare vorrei chiedere a chi ha cercato “uomo bello e muscoloso” se ne ha trovato uno e se è disposto/a a concederlo in comodato d’uso, e a “cerco motosega per tagliare a metà il maiale” se ha trovato qualcuno che gli/le ha dato quello che cercava dopo aver specificato che voleva motosegare a metà un suino.

Son cose che fanno pensare.

E soprattutto vorrei dire a colei che ha cercato “sono una cazzona” che ha tutta la mia stima. Questo è un pensiero che rivolgo spesso a me stessa, ma a cercare conferme o consolazioni su internet non ci avevo mai pensato. Se ne vuoi parlare sono qui.

Prova provata della follia dei miei viewers

Prova provata della follia dei miei viewers

Oltretutto vi sembrerà una puttanata (e infatti vi metto un bello screenshot perché se no non mi credete), ma il primo viewer di stasera, appena passata la mezzanotte, ha appena cercato “ragazza svedesa va dal prete per avere lezione di pornno“, quindi capite che questi individui bazzicano sul mio blog abbastanza spesso.

So di essere volgare, a tratti. Tratti larghi. Tratti larghi e frequenti.

Comunque potete dire quello che vi pare, ma io di “culi di maiale” e di “cazzi mosci” non ne ho mai parlato, cribbio.
Nel senso, magari con le mie amiche ne ho anche parlato, ma non ho mai scritto niente in proposito su di un blog.

Per cui se questo post ti sembra troppo volgare, cara la mia intelligenza collettiva, fatti un esamino di coscienza, perché ho solo rivelato quello che tu cerchi nel web (per qualcuna di queste ricerche, anche più di una volta, per giunta! Vedi gli “svedesi cazzo piccolo”, che a quanto pare riscuotono un discreto successo).

cavolinobruxellesTralasciando i cazzi piccoli, la ricetta di oggi (ammesso che non vi sia passata la fame a causa di qualcuna delle ricerche di cui sopra) è la svampsås = “salsa di funghi” (svamp = “fungo”; sås = “salsa”), che sta bene sulla bistecca, sul pollo, sulle costolette d’agnello, insomma, su roba carnosa. Ma secondo me sta di lusso anche sui tortini di verdure, sul riso Basmati usato come contorno, e sulle verdure bollite, come i fagiolini, le patate o i cavolini di Bruxelles, che, piccolo inciso, fanno SCHIFO! Come si può voler mangiare qualcosa che puzza di cassonetto organico estivo? SCHIFO.

Se sostituite i funghi a caso con i finferli, avrete fatto una kantarellsås. Non vi sto a attaccare il solito pippone su come i finferli siano un must del viKifood, se vi interessa leggete qui e qui.

Le ricette svedesi consultate, poi, sostengono veementemente che la svampsås si possa usare anche come condimento per spaGetti o lasanGe, ma ormai avete capito, no? Cosa si fa con i viKi che pontificano su piatti di pasta? Li si ignora con disprezzo, bravi.

E bravi lo siete a prescindere, perché è così che ci si comporta nel 99,9% dei casi, ma non vorrei che una volta tanto ci avessero azzeccato. Io questa salsa non l’ho provata nella pasta, a dire la verità, però boh… forse se si frulla un pochino meno e ci si lascia qualche pezzetto… vuoi vedere che ci sta anche bene? Magari meglio la pasta corta. O i tortellini.

Boh, vedete voi.

Comunque sì, ora vi scrivo la ricetta, però prima lasciatevi dire due paroline sulle vostre ricerche Google: davvero, ripigliatevi.

INGREDIENTI PER 8 PERSONE:

  • 80 gr. di funghi secchi (o circa 400 gr. di funghi freschi)
  • 1 cipolla gialla
  • 35 gr. di burro
  • 1 cuore di brodo Knorr di carne (28 gr.)
  • una puntina di senape di Digione (ma proprio una puntina infinitesima)
  • 3 cucchiai di Porto (o Sherry o Marsala)
  • pepe nero q.b.
  • 500 ml di panna fresca
  • sale q.b.

PREPARAZIONE:

Mettere i funghi secchi in ammollo per 40 minuti (in caso di funghi freschi sciacquarli e basta).

Tagliare a pezzettini molto piccoli i funghi e la cipolla gialla  e metterli a soffriggere nel burro per circa 10 minuti.

Aggiungere il cuore di brodo, la senape, il Porto, una spolverata di pepe nero e la panna. Frullare con il frullino a immersione e lasciar cuocere per 15 minuti.

Servire calda o fredda, a piacere.

Svampsås pronta!

Svampsås pronta!

Buon appetito!

I.

Faccio l’accento svedese? Errori di pronuncia, culto del sole e vaniljsås…

Mia mamma mi ha detto diverse volte (perché è anziana e ripete le cose in loop) di una pubblicità, che passavano nella sua epoca antidiluviana, di un viKingone biondo nudo dentro una tinozza su uno sfondo bucolico che diceva la seguente frase: “Mai proFata la primaFera in ScanTinaFia? PROFA!“.

Ora, non so cosa esattamente pubblicizzasse, forse turismo sessuale, però mi ha colpito il fatto che l’accento riprodotto fosse tendenzialmente tedesco… Come il discorso di insediamento di Razzinghe’, il ‘”Zemplice umile laForatore nella Figna di Zignore”.

Ho notato che l’accento svedese ha sempre attirato questo misunderstanding, ovvero l’idea che la lingua svedese fosse più o meno come il crucchese. Arrivano puntuali, sono alti e biondi e rispondono “Ja” per dire sì, stessa roba.

Niente di più sbagliato.

L’accento svedese è diverso. E’ musicale, dolce, piacevole a sentirsi. Con questo non voglio dire che l’accento tedesco non lo sia…

Anzi, sì cazzo, voglio dire proprio questo! Il tedesco non è musicale per niente. E’ bello, è pulito, è nitido e scandito, ma dai, solo Mozart ha potuto rendere il tedesco armonioso. Dopo di lui non ce l’ha fatta nessun altro, forse solo Nena con 99 Luftballons e la mia ex coinquilina bavarese Lina, la ragazza più dolce del pianeta.

Comunque sia, ascoltando le recenti pubblicità radiofoniche dell’IKEA ho notato che l’accento usato è sorprendentemente svedesissimo, stoccolmese per l’esattezza, ovvero pieno di r mosce e di iiiiii strettissime, snob quant’altri mai.

Questo vuol dire che la conoscenza dell’italiano medio verso la lingua svedese ha comunque subito un upgrade. Insomma, dai tempi di Fantozzi che faceva l’accento svedese ne è passata di alce sotto i ponti.

Comunque, a parte l’accento e il biondo nudo nella tinozza, la primaFera in ScanTinaFia è davvero bella, forse il periodo migliore per andare in Svezia, perché è tutto pieno di fiori, i prati sono verdi, ed è bellissimo vedere l’entusiasmo dei viKi che appena vengono colpiti dai deboli fotonucci di un nordico sole d’aprile non capiscono più un cazzo.

E’ come se ci fosse ancora il culto egizio del Sole: si denudano, vanno a giro con dei pantaloncini improbabili, ignorando la cellulite provocata dai chili di burro che ingurgitano e il buon gusto, e si mettono a prendere il sole così, in piedi, seduti, sdraiati, dove capita, come i rettili. Sono adorabili. E poi tornano a casa con il naso rossissimo e non si capisce se è perché sono sbronzi (opzione molto probabile) o se si sono bruciati per 10 minuti di sole pur avendo usato la cremina a protezione 97, che teneri.

Kungsträdgården, parchetto nel centro di Stoccolma dove i viKi sono soliti fare i girasoli

La primavera nordica è bella anche per tutti i dolci che comporta… E per la frutta di stagione, anche se comunque, essendo una nazione che tendenzialmente importa frutta, per ovvie ragioni climatiche, la frutta primaverile la trovate più o meno sempre, non solo a primavera.

E che cosa c’è di più bello che rendere le cose salubri immondamente grasse? Voglio dire, se Adamo ed Eva furono cacciati dal paradiso per una pidocchiosissima mela è perché avevano intuito le potenzialità di quell’insulso frutto. Quale divinità sana di mente si incazzerebbe così tanto per una mela? Doveva esserci qualcosa sotto.

E comunque, se proprio dobbiamo spaccare il capello in quattro e affrontare un dibattito teologico, se il padre eterno non avesse voluto che i due umani toccassero il frutto proibito, poteva anche fare a meno di dire loro: “Toccate tutto tranne questo”. Nel senso, in un posto dove c’è TUTTO, dove stai da dio (giustappunto) e non soffri mai, cosa te ne frega di rovinarti la vita per una mela? Certo è che se ti dicono che puoi fare tutto tranne quella cosa minimale, parliamoci chiaro, non ti viene subito la voglia di fare proprio quello? Si chiama sfidare i limiti intellettuali che ti vengono imposti, domandandosi un banale: “E se invece lo facessi lo stesso?”, chiunque di voi sia mai stato adolescente mi capirà.

Quanto vi piacerebbe averlo per non dover leggere tutta la ricetta, vero? Ma in Italia non si trova, peccato…

Ma a parte i miei prolissi quanto inutili incisi, converrete con me che la vaniglia sulla mela è la morte sua, o no?

Bene, e a questo proposito viene la ricetta di oggi, la vaniljsås (salsa di vaniglia). Una salsa dolce e buonissima che si può versare a litrate su ogni cosa.

Curiosità: in Svezia si trova già pronta, come tutto, del resto, e si chiama Marsán, marchio registrato della ditta Ekströms, fondata a Örebro nel 1848. Bello vero? Quando in tutta l’Europa imperversavano i moti rivoluzionari, in Svezia si pensava a sbafare dolci

BTW, a parte le suddette mele (e tutto ciò che ne consegue: strudel, mele cotte con la cannella, torta di mele, muffin alle mele, etc.), secondo me la vaniljsås sta bene sul gelato alla frutta, sull’ananas, sulle fragole, sulla macedonia, sulla torta della nonna, sulle crostate di frutta e su altri milioni di cose… Lo diceva anche Shakespeare: “Ci sono più dolci in cielo e in terra, Orazio, di quanti ne sogni la tua filosofia“.

INGREDIENTI PER 1/2 LITRO DI SALSA:

  • 1 uovo
  • 35 gr. di zucchero a velo
  • 2 cucchiaini di fecola di patate
  • 3oo ml. di latte intero
  • 1 bacca di vaniglia
  • 300 ml. di panna fresca da montare
  • 1 cucchiaio di zucchero

PREPARAZIONE:

Rompere un uovo in un pentolino e aggiungere lo zucchero a velo. Sbattere l’uovo e lo zucchero con una forchetta e quando non ci sono più grumi aggiungere la fecola di patate e il latte.

Tagliare nel senso della lunghezza la bacca di vaniglia, raccogliere i semini con un cucchiaino e metterli nel pentolino. Mettere anche la bacca e portare a ebollizione a fuoco medio-basso.

Quando la salsa inizia a rapprendersi abbassare il fuoco e mescolare continuamente per evitare che si attacchi sul fondo. Quando inizia a fare le bolle spengere il fuoco e far raffreddare. Togliere la bacca intera.

A parte, montare la panna con lo zucchero.

Quando la crema è a temperatura ambiente aggiungere la panna montata e mescolare delicatamente.

Con questa ricetta la salsa viene discretamente densa, per diluirla aggiungere latte a piacere.

Vaniljsås pronta!

Buon appetito,

I.

La gräddsås e il magico mondo IKEA

L’IKEA… Cosa sarebbe la Svezia senza l’IKEA?

L’IKEA si presenta tutta bella tranquilla e a tratti paternalisticamente vicina ai clienti (hai ricordato di controllare dove hai parcheggiato la macchina? Ricontrolla o te lo scorderai) nelle periferie di moltissime città italiane. I principi tanto decantati dalla multinazionale giallo blu sono quelli di grande eticità e rispetto dei lavoratori… Ma è davvero così? Non è che ormai MacDonald è diventato nell’immaginario collettivo il paradigma dello sfruttamento folle, mentre IKEA nascondendosi dietro a grandi sviolinate scandinave e legno di betulla fa esattamente le stesse cose ma vantandosi di essere no global friendly?

Ora, io ammetto subito la mia idiosincrasia verso il mondo IKEA: lo stupido letto Fjellse matrimoniale mi si è rotto sotto le chiappe e ciò non ha certo contribuito a farmi amare questa azienda. Prima si sono spaccati due o tre pirulini di legno da incastrare nei buchi (sempre perennemente troppo piccoli), poi si è rotta la stecca al centro della struttura letto, provocando la caduta a domino di doghina per doghina, e poi gli angoli hanno ceduto.

Poi io sono particolarmente coriacea, e gli ho voluto almeno dare una seconda chance, ma sono stata doppiamente frustrata nelle mie aspettative: sono andata tutta bella sorridente (perché in fondo sono svedesi, e ci fidiamo sempre di più, no?) convinta di poter cambiare solo la stecca rotta, ma mi hanno informato che i pezzi non vengono sostituiti, l’unica cosa che si può fare è aspettare che a qualche altro povero stronzo si rompa un letto Fjellse uguale al nostro e sperare che si sia rotto in un altro punto, così IKEA ci farà gentilmente da tramite per lo scambio di pezzi, offrendoci persino di portarceli a casa per la modica cifra di 80 euro (esattamente la cifra che ho invece usato per comprarmi il letto nuovo di Mondo Convenienza).

Bene, grazie a ‘sta minchia, IKEA.

Comunque a parte il fatto che il mio letto è caduto a pezzi, ho molti motivi per avere IKEA sulle balle, ad esempio ideologici: Ingvar Kamprad, aka il signor IKEA, è stato membro del movimento antisemita, nazista, supernazionalista, fascista, Nysvenska Rörelsen, che sostiene in poche parole tutte le puttanate caldeggiate dalle altre centinaia di gruppi associazioni e partiti nazisti in Svezia, e cioè culto del capo, superiorità della razza viKi, negri = merda, mondo brutto ma menomale che la Svezia c’è, etc.

Kamprad visto dai suoi detrattori

Oltre alle idee politiche del fondatore, che alla fine possono interessare poco se avete semplicemente bisogno di un divano, IKEA non ha però una grande reputazione nemmeno per come tratta i lavoratori, al pari di tutti gli altri colossi industriali (ma anche i piccini non scherzano).

In Francia ad esempio pare che IKEA abbia corrotto vari sbirri francesi per farsi fare un bel dossieraggino per ottenere informazioni sensibili sugli impiegati, allo scopo di tenerli meglio per le palle. Comunque proteste sindacali contro il trattamento che IKEA riserva ai suoi schiavetti, e contro gli stipendi ridicoli con cui poi gli schiavetti pretenderebbero pure di campare, ci sono state un po’ ovunque nel mondo, non solo in Francia ma anche in Canada, in Italia, e soprattutto nei paesi del sudest asiatico, dove nelle fabbriche e nei negozi IKEA vengono fatte lavorare donne con orari massacranti per un paio di noccioline al mese. Senza contare che è recentemente stata aperta anche un’inchiesta sul ricorso massiccio ai lavori forzati di prigionieri politici di Cuba e Germania dell’Est.

Anche nel conflitto israelo-palestinese IKEA c’entra: dalle dichiarazioni di un’inviata della Swedish Radio in Israele, IKEA infatti consegnerebbe i mobili negli insediamenti ILLEGALI israeliani ma non nei territori palestinesi occupati della Cisgiordania. Insomma, in questo caso lontani dal cuore, lontani dagli occhi. Prima hitleriano, ora amicone dello stato ebraico… E’ così strano? Forse che anche Kamprad quando si tratta poi di fare affari non fa più differenza, o no? Pecunia non olet.

Insomma vabbè, abbiamo capito che l’IKEA è un postaccio. E certo, non perché siano particolarmente stronzi, è la dura legge del profitto (parafrasando un mix di MaRx Pezzali) ma perché siamo abituati a vedere il male supremo nelle multinazionali americane, e quando le stesse cose invece ce le propinano dei biondini vestiti da Playmobil ci sembra che vada tutto bene.

Invece no, e sto scoprendo l’acqua calda, me ne rendo conto, ma si tende a dimenticarci di queste cose quando si vede il free-refill del succhino di bacche e le bandierine svedesi dovunque.

C’è ad ogni modo all’IKEA un angolino che mi fa dimenticare ogni mio attivismo politico o velleità umanitarista, e che mi coccola facendomi pensare che sì, anche se il signor IKEA fosse una merda, anche se i letti fossero incollati con lo sputo di una bengalese al nono mese di gravidanza alla sua quattordicesima ora di lavoro consecutiva per un padrone che sogna segretamente grandi falò di zingari, comunisti ed ebrei, ammesso e non concesso tutto questo…

Uno dei vari manifesti del movimento Boycott IKEA

il ristorantino self-service svedese sarebbe comunque un cazzo di grande posto.

E’ chiaro che non è cibo svedese da gourmet, ma a me le polpette IKEA mi piacciono un casino. Non tanto per le polpette in sé e per sé che alla fine uno se le fa in casa più buone e sa di non averci messo carne di topo muschiato, quanto per la salsettina marrone che ti ci rovesciano sopra a litrate, ovvero la gräddsås.

La gräddsås sì che ti fa dimenticare the dark side of the shopping.

E’ pannosa (grädd = panna; sås = salsa), burrosa, grassosa, carnosa, e sta bene su TUTTO. Ovvio che sulle polpette è la morte sua, così come sulle patate lesse. Però secondo me sta bene anche impastrocchiata nel purè, sul pollo arrosto, sul roast-beef, sui würstel, sulle verdure grigliate, sui fagiolini lessi, sul tacchino al curry, sul riso pilaf con l’agnello, sugli hamburger, sui broccoli e sul cavolfiore bolliti… diciamo pure su ogni cosa che non preveda pesce o pasta.

C’è qualcuno che aggiunge la marmellata di lingon (sempre quella dell’IKEA) dentro la gräddsås stessa, ma secondo me è più buona aggiunta dopo. Comunque io vi do la ricetta base della mamma di Jansson, e le ricette di mamma non si criticano mai, quindi se volete metterci anche la marmellata fate vobis, io non l’ho fatto. Una cosa che invece secondo me si può aggiungere senza problemi è la noce moscata che ci sta sempre bene.

La salsa è molto semplice da fare, l’unica cosa è che serve l’estratto di carne che costa abbastanza. Mi raccomando state attenti che non abbia il sale dentro (io una volta ho usato il cuore di brodo Knorr e ho fatto un casino assurdo perché mi è venuta salatissima), comunque l’estratto di carne si trova al Pam. Se proprio non lo trovate usate pure il cuore di brodo ma aggiungetene pochino alla volta, assaggiate costantemente, eliminate la salsa di soia e non salate nemmeno per scherzo.

La mia parte preferita di quando preparo la gräddsås è poi ripassare con il ditino il fondo della pentola nei punti dove la salsina è più densa e vagamente sbruciacchiata. Un gesto di una sensualità prorompente che vi farà apprezzare da tutti. Vi consiglio di farlo al primo appuntamento con un tipo/tipa che vi piace molto, ma facendo molta attenzione a corredare il ciucciamento del dito con un bello schioccone godurioso. Esprit de finesse.

INGREDIENTI PER 3/4 PERSONE:

  • 4 cucchiai di farina
  • 50 gr. di burro
  • 4 cucchiai di estratto di carne
  • 1 cucchiaio di salsa di soia
  • 500 ml di panna fresca
  • sale e pepe q.b.
  • (eventuale latte se volete una salsa più liquida)

PREPARAZIONE:

Sciogliere il burro a fiamma bassa e aggiungere la farina. Mescolare bene in modo da togliere i grumi e aggiungere la panna, l’estratto di carne e la salsa di soia. Continuare a cuocere a fiamma bassissima e aggiustare di sale e di pepe a seconda del gusto. Potete variare la consistenza della salsa aggiungendo più farina per una salsa più densa, o latte per una salsa più liquida. Esprit de finesse.

Gräddsås pronta!

Buon appetito!

I.

Gräddfil (meglio nota come panna acida)

La panna acida (gräddfil in svedese) non ha bisogno di spiegazioni, perché ormai è entrata nell’uso anche in Italia.

La cosa bella di questa salsetta è che nella cucina svedese si trova sempre un suo utilizzo in cucina: con il pesce, con le patate, con la frutta, con la carne, come base per altre salse, etc.

Ho iniziato a farla da sola perché prima non sono mai riuscita a trovarla già pronta. In realtà poi ho scoperto che la vendono in qualche supermercato (forse ormai in tutti), ma siccome la mia è buonissima non me la sono sentita di cambiarla.

E’ grassa, ovviamente, però non sembra… Lo so, sarebbe meglio il contrario, però intendevo dire che non ha il sapore di cosa superpesa che rimane sullo stomaco. Sta bene con piatti leggeri di pesce e ci si può fare anche il cheesecake. Insomma, è come un tubino nero, sta bene con tutto.

Deve riposare una notte, per cui preparatela per tempo.

Non so esattamente per quante persone sia questa ricetta, però ne viene davvero TANTA. Comunque, se avanza, i suoi miliardi di utilizzi possibili possono dare una mano a smaltirla (io oggi pomeriggio ci ho cosparso le fragole ed erano buonissime). Per “smaltirla” invece nell’altro senso vi serve un abbonamento in palestra, o un bravo chirurgo.

INGREDIENTI:

500 ml di panna fresca

1 limone

125 gr. di yogurt bianco magro

PREPARAZIONE:

Mettere la panna fresca, il succo del limone e lo yogurt in una ciotolina. Mescolare, coprire e lasciare una notte a temperatura ambiente.

Panna acida pronta

Buon appetito!

I.