Köttbullar (prima o poi dovevo), carcasse di cavalli e viKifestival

Sono stata sfidata.

Ebbene sì, al mondo c’è chi osa tanto.

Un mio lettore mi ha perentoriamente ordinato di fare le köttbullar, ovvero le famose polpette svedesi, dicendo anche che di ricette in giro ne ha lette tante, ma lui vuole LA viKiricetta, la unica e sola. E ha detto tutto ciò con un tono talmente convincente che io ho passato tutto questo tempo a cercare su mille libri e a intervistare centinaia di svedesi per trovarla.

Caro Felice, tutto questo è per te, spero di non deludere le aspettative, in caso contrario apprezza almeno lo sforzo.

Le köttbullar stanno alla cucina svedese come gli spaghetti al pomodoro stanno a quella italiana. Ogni svedese le sa cucinare più o meno bene, si trovano in quasi tutti i ristoranti e in casa si mangiano abbastanza spesso. Immancabilmente presenti nel buffet di Natale, si dice siano stati introdotte nella viKicucina da Carlo XII di Svezia, che, in esilio a Istanbul, prese la ricetta ottomana e se la portò a casa.
Poi gli svedesi come sempre, presi dall’entusiasmo, esuberano e vai giù di panna, marmellata di lingon, etc.

Io non le avevo ancora mai cucinate, sia perché questo blog si chiama “nonsolopolpette” e quindi ritardavo il momento della resa dei conti con le polpette, pietra miliare della vikicucina, per licenza poetica; sia perché via vi dico la verità, mi piacciono talmente tanto quelle dell’IKEA che non ne ho mai avuto la stretta necessità.ikea_meatballs

Lo so, dentro le polpette IKEA ci sono i colibatteri, i topi muschiati e i nonni di Varenne, però a me piacciono un casino.
Tra l’altro, a proposito di cavalli & molto poco perspicaci svedesi, ho sentito dire da un viKitizio: “Non capisco perché la gente si lamenti della carne di cavallo nelle polpette IKEA, il cavallo è un piatto molto prelibato e costa anche più del manzo, è come se vendessero oro al posto dell’argento“…

Ecco, io non so se questo biondo dal mascellone inversamente proporzionale alla massa cerebrale scherzasse o dicesse sul serio, ma sono sicura che questa argomentazione è venuta in mente a molte persone, viKi e italiche, per il semplice motivo che l’idiozia è un fattore transnazionale.

E quindi arrivo io con il mio acume a illuminare il vostro brancolare nell’oscura ignoranza.

Antefatto: tempo fa, come ribaditomi anche da un mio lettore, gianvito, un’ispezione alimentare in Repubblica Ceca ha trovato carne di cavallo nelle polpette IKEA (la cui produzione è interamente svedese, i cechi poveracci non c’entrano nulla), che le ha così ritirate dal commercio in ben 13 paesi. L’Italia, che risulta essere al primo posto in Europa per la sicurezza alimentare, ha continuato il lavoro fatto dai cechi, e ulteriori analisi dei Nas hanno comunque mostrato che le polpette equine non provocavano grossi rischi per la salute, quindi trattavasi di ‘sola’ frode.

Eh sì carini, perché se non informi il consumatore sempre di frode si tratta, anche se al posto del manzo ci metti i draghi di Daenerys Targaryen.

E ora rispondiamo al nostro viKiamico con la scucchia, che da solo non ci arriva. Ovvio, il cavallo da ristorazione costa più della wacca da ristorazione (ho il vago ricordo di una pubblicità con uno che diceva “wiwa le wacche”, a voi suona?), quindi sarebbe in effetti molto strano se ci fosse un gombloddo in corso per far mangiare il consumatore in modo più raffinato senza che questo se ne accorga, non trovate?

Ciò si spiega molto semplicemente se invece del cavallo per uso alimentare ci si mettono carcasse di cavalli da corsa.

cavalloculturistaIl cavallo da corsa non è infatti previsto per la macellazione. Anzi, la macellazione del cavallo da corsa è discretamente illegale, e questo perché nell’alimentazione di un cavallo da corsa troviamo ormoni, antibiotici, anabolizzanti e altre cose che aumentino le prestazioni dell’animale fino a farlo diventare il Mickey Rourke dei cavalli. Quindi se ve lo mangiate poi c’è il rischio che defechiate barrette di meitnerio e roentgenio.

Ecco dai, spero che nelle mie köttbullar non ci siano cavalli da corsa. Poi oh, ho fumato quotidianamente un pacchetto e mezzo di sigarette fino a ieri, fare la salutista non mi si addice.

Bene. Riguardo alla ricetta.

Da un punto di vista di cucina filologica, tramite la collazione di varie ricette e lo scarto di evidenti contaminazioni (che di solito però, hanno la tendenza di migliorare il viKicibo, questo va specificato), ho trovato una lectio difficilior ricorrente, che consiste nell’aggiunta di miele, cannella e chiodi di garofano.

Visto che i viKi sono noti per accostamenti strambi (che vi dirò, spesso funzionano benone), ho pensato di essere sulla buona strada e ho deciso di proporre questa ricetta qui.
L’importante, come molte cose in questo mondo, è la dimensione.

In questo caso però la dimensione deve essere ridotta. Molto ridotta.
I viKi ci tengono a specificare che la vera, originale, perfetta, dimensione delle köttbullar è quella di una noce, e più sono tonde, meglio è (ovviamente, per la cottura).

Poi vanno cosparse di una salsa grassa chiamata gräddsås (su cui ho scritto qui, dove ho tra l’altro scritto anche a proposito di IKEA) e servite con patate bollite (o potatismos, detto purè), piselli (o broccoli o anche cetriolini sottaceto), e marmellata di lingon (o mirtillo rosso).

Ecco, e così mi libero del fardello del piatto più conosciuto della cucina viKinga.

Adesso però vorrei specificare una cosa.
Avrete senz’altro notato che lo stile fotografico di questo blog ha attraversato varie fasi: da “gita di prima media con macchinetta usa e getta presa coi punti del Ciocorì“, a “cellulare con fuoco e nitidezza regolabili“, a “ho un i-Pad e spippolo come se non ci fosse un domani e poi miglioro il tutto coi filtrini Instagram”.

Poi è arrivata la fase del “mi avvalgo di un fotografo professionista e vado in culo al mondo”, e qui nonsolopolpette ha fatto il salto di qualità.

Cara Bea, ti ricordi quando (nella fase della macchinetta del Ciocorì) mi apostrofasti con “Ire, carino il blog ma le foto sono una merda” (qui ti detti la risposta)? Bene, PUPPA! (Scherzo, lo sai che ti amo).

E quindi vorrei cogliere l’occasione per ringraziare il fotografo ufficiale di NSP© per l’apparato iconografico del post di oggi sui festival (purtroppo non per la foto del piatto, che come noterete benissimo appartiene alla fase “iPad e filtrini Instagram”, purtroppo il fotografo non c’era) e sfruttare l’occasione per chiedervi secondo voi quanti nella foodblogosfera hanno un fotografo professionista che non solo fotografa i piatti, ma si puppa anche gli avanzi? Ve lo dico io: NESSUNO! Ahahah, tiè!

Bene, tornando a noi.

Little Dragon - Way Out West

Little Dragon – Way Out West. Foto di Gianluca La Bruna gianlucalabrunaphotography.com

Oltre alle polpettine, un’altra cosa molto, molto, molto svedese, sono i festival musicali.

La Svezia ha una fortissima tradizione di musica, tanto da essere il terzo paese esportatore di musica nel mondo (così dice, almeno, e calcolato che sono 9 milioni di persone beh, direi che è tanto). Già vi parlai a suo tempo degli svedesi che dominano le hit mondiali, ma il fenomeno festival è un’altra storia.

Innanzitutto parliamo quasi esclusivamente dell’estate, perché con tutto l’amore per la musica, nessuno andrebbe a vedere dei concerti nel viKiinverno per poi ritrovarsi con le orecchie cianotiche e il moccio al naso stalattitizzato. Quindi da fine aprile verso settembre il calendario svedese è costellato di festivalZ, che possono essere gratis (come il Malmö Festivalen) o molto a pagamento (come il Way Out West a Göteborg).

Ve ne do una carrellata, notate bene che vi do i più famosi nelle città più grosse, se no facciamo notte.

STOCCOLMA:

  • Parkteatern = (giugno-agosto) Ogni giorno. Gratis. Nei parchi di Stoccolma si possono ascoltare concerti, vedere balletti e spettacoli circensi e partecipare agli workshop più vari.
  • Stockholm Early Music Festival = (inizi giugno) Quattro giorni. Gratis. La città vecchia (Gamla Stan) si riempie di concerti di musiche barocche e rinascimentali.
  • Accelerator = (fine giugno) Due giorni. Festival indie-rock frequentato (pare) da ragazzetti più che altro.
  • Stockholm Jazz Festival = (metà luglio ma c’è anche la versione autunnale a ottobre). Una settimana di jazz nell’isola di Skeppsholmen. I concerti partono dal pomeriggio e proseguono la sera.

GÖTEBORG:

Veronica Maggio - Way Out West

Veronica Maggio – Way Out West. Foto di Gianluca La Bruna gianlucalabrunaphotography.com

  • Metaltown = (metà giugno) Tre giorni. Capelloni lunghe, giacche di pelle, borchie come se piovesse e artisti metal della scena mondiale, ci hanno suonato, tra gli altri, i Korn, i Mötorhead, Alice Copper, i Rammstein, Marylin Manson e Cristina D’Avena (no, lei no).
  • Way Out West = (metà agosto) Cinque giorni. Molto costoso ma anche molto bello e enorme, conosciuto in tutta Europa. Dentro il bellissimo parco Slottskogen, concerti dal primo pomeriggio a notte fonda con artisti nazionali e internazionali.

MALMÖ:

  • Malmöfestivalen = Bello. Gratis. Bello. Metà agosto. Una settimana di un milione di concerti gratuiti, sparsi per tutta la città (ma il concerto principale è sempre in Stortorget). Vendono un sacco di cibo per strada e ci sono tipo workshop di cucina, cose per bambini, spettacoli di danza, tutto.
  • Goodnight Sun = Non è un vero e proprio festival ma secondo me è una cosa bellissima. Luglio, dall’1 al 21 ogni sera al tramonto (quindi verso le 21:30) concerti sul ponte Hoppbryggan a Västra Hamnen (il posto è detto “Titanic” perché sembra una prua, e la mia amica Francesca ha anche delle foto molto compromettenti di me e del mio principe consorte che facciamo i cretini come Rose e Jack. Lo so, pensavamo di non essere ripresi).

    Icona Pop - Malmöfestivalen

    Icona Pop – Malmöfestivalen. Foto di Gianluca La Bruna gianlucalabrunaphotography.com

UPPSALA:

  • Uppsala Reggae Festival = (prima metà di agosto). Tre giorni di raggae svedese ma non solo. non ho capito se si paga, quanto si paga, né dove sia esattamente nella città. Seguite il suono dei djambé.

UMEÅ:

  • Umeå Open = Fine marzo. Sei giorni. Costa non eccessivamente ma costa. Fa regolarmente il tutto esaurito. Artisti di tutto il mondo, svedesi e svedesi conosciuti anche in ambito internazionale (es. The Ark).
  • Umeå Jazz Festival = Autunnale, metà ottobre. Cinque giorni in cui nel freddo viKinord ci si scalda a colpi di jazz.
  • Forlorn Fest = Ultimo weekend di novembre (nel nord i concerti gli garbano ghiacci). Musica pestona underground.

ALTRI FESTIVAL IN ALTRI POSTI:

  • Melodifestivalen = (non è estivo, si svolge a febbraio, ma è negli studi televisivi come San Remo, quindi non conta). Competizione, più che festival. Musica commerciale in TV, si vince col televoto, si trasmette sulla televisione pubblica. Cose a cui siamo abituati anche noi, ma andava menzionato.
  • Sweden Rock Festival = a Norje. Prima settimana di giugno. Quattro giorni. Come il nome suggerisce, rock ‘n rooooll. Ci hanno suonato Aerosmith, Guns ‘n Roses, Billy Idol, Europe, Lynyrd Skynyrd, etc.
  • Åmåls Blues Fest = a Åmål. Prima metà di luglio. Quattro giorni di musica bluesettona a oltranza.
  • Hultsfredsfestivalen =  a Hultsfred
  • SIESTA! = a Hässleholm. Primo weekend di giugno. Tre giorni. Il pubblico è prevalentemente nordico (si parla comunque di un casino di gente), con artisti nordici, anche se qualcuno di questi è conosciuto anche a livello internazionale.

    Halkan Balkan - Goodnight Sun

    Halkan Balkan – Goodnight Sun. Foto di Gianluca La Bruna gianlucalabrunaphotography.com

Ecco, calcolate che io ne ho messo solo qualcuno ma ce ne sono in ogni città, ogni giorno, per ogni genere musicale, sempre, ovunque.

La particolarità dei viKifestival è che sono bellissimi.

Indipendentemente dal tipo di musica proposto è proprio ganzo vedere come se la vivono gli svedesi: bambini, vecchietti, donne gravide, pischelli, alcolisti anonimi e meno anonimi, chiunque si gode la musica. E cosa ho notato io è che ognuno di loro se la gode rivendicando orgogliosamente la propria appartenenza a una delle categorie sociali summenzionate.

Mi spiego meglio: a Livorno (e probabilmente non solo lì), vediamo la figura del/della vecchio/vecchia adolescente. 45enni tatuati e pieni di piercing coi capelli ossigenati alle spalle che surfano, o 50enni zoccolone con le minigonne e le ciccine mosce delle cosce che gli ricadono sul ginocchio osteoporotico, che gozzovigliano mezzi briai nei posti normalmente frequentati da gente che potrebbe derivare dai gameti del frutto dei loro gameti, e che parlano e si atteggiano come ragazzini delle medie.

Bene, io di vecchi del genere a Malmö ne ho incontrati pochissimi. Mentre ho invece potuto ammirare in questi concerti parecchie persone anziane danzanti e dignitose, sorridenti e felici di condividere musica e spazi con altri sorridenti come loro.

E così ho visto anche giovani babbi che si portano il marmocchio al concerto di elettronica e ci ballano insieme, che si portano il neonato al sacco munito di cuffione antirumore e se lo dondolano mentre ascoltano il loro gruppo preferito.

E a me questo piace!

Mi piace perché io non sarò mai una che “fa la mamma” (come fosse un mestiere), schiava dei figlioli e priva di una dimensione tutta mia di realizzazione e divertimento, mentre mio marito non fa un cazzaccio nulla e faccio tutto io, così come non sarò mai una vecchia bavosa che si gratta le chiappe, compra il fumo dai bimbetti coi rasta e si siede scosciata sul marciapiede con dei jeans stretti che mostrano un piede di cammello risalente al pleistocene.

Pubblico capelluto in estasi per i Motörhead - Malmöfestivalen

Pubblico capelluto in estasi per i Motörhead – Way Out West. Foto di Gianluca La Bruna gianlucalabrunaphotography.com

I festival in Svezia sono, certo, fatti anche per i superbriai, ma non c’è solo questo. Complice la musica, complici i parchi o le piazze del centro in cui questi concerti si svolgono, si riscopre una convivialità davvero sana (lontana da quella malata delle feste universitarie, ad esempio, dove è invece prassi comune vomitarsi addosso a idrante e non capire una sega, altrimenti sei out), in cui i viKi riscoprono anche una dimensione esterna alla casa.

Perché io credo che il clima influisca sul tipo di socialità: feste in casa, giochi da tavolo, cene lunghissime, serate film, etc. Qui non siamo a Barcellona o a Roma, la vita di piazza in Svezia non esiste. D’estate c’è il pub al massimo, ma non c’è la piazzetta. E d’inverno ci sono solo le case delle persone, quindi o hai amici da invitare, o vivi con qualcuno che ti migliora la vita e ti dà serenità, oppure è probabile che tu finisca a cercare su Google come si fa un nodo scorsoio.

Ecco, nei festival forse si concentra nel giro di 4, 5 giorni un’ansia di stare insieme sotto un comune denominatore che non sia il coma etilico, e io la trovo una cosa splendida.

Via, ora non vi voglio fare piangere, insomma, anche meno. Però se vi capita andateci! A uno a caso! Anche se siete incinte di 8 mesi, anche se avete 93 anni, anche se avete i bimbi piccoli, anche se siete disabili, che qui è tutto attrezzato per migliorarvi la vita, e di sicuro sarà pieno di persone nella vostra stessa situazione che ridono e ascoltano la musica. Magari anche musica di merda. Ma almeno ridono.

Rocchenroll.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:

  • 1/2 cipolla gialla
  • 1 cucchiaio di burro
  • 1 cucchiaio di fecola di patate
  • 1 dl di latte
  • 0,5 dl di panna fresca
  • 60 gr. di pangrattato
  • 500 gr. di macinato di manzo
  • 2 uova
  • 1 cucchiaio di miele
  • pimento (se non lo trovate usate il pepe nero)
  • un pizzico di cannella
  • un pistillino di chiodo di garofano sbriciolato
  • un pizzico di sale
  • un pizzico di pepe bianco
  • un pizzico di noce moscata
  • margarina per cuocere
  • gräddsås

PREPARAZIONE:

Tagliare finissimamente la cipolla e soffrigerla nel burro finché non diventa trasparente. Far raffreddare.

Sciogliere la fecola nel latte mischiato alla panna e aggiungere il pangrattato.

Aggiungere a tutto ciò la cipolla, la carne, le uova, il miele, tutte le spezie e il sale.

Fare delle palline della dimensione di una noce, cercando di farle tutte uguali, altrimenti la cottura verrà un troiaio. Cuocerle nella margarina.

Cospargerle di gräddsås.

Köttbullar pronte!

Köttbullar pronte!

Buon appetito!

I.

Annunci

En riktig svensk jul (part VI): revbensspjäll. Costolette e buffet pantagruelici

Namasté amici-ci, la ricetta natalizia che vi propongo oggi sono le costolette di maiale, o revbensspjäll.

ribs

E’ un piatto estremamente semplice da preparare, e anche bono a bestia, e (ma questo vale un po’ per tutto ciò che ho cucinato) non è necessario farlo a Natale, lo potete fare quando vi pare, anche quando avete una cena romantica alle viste, perché la cottura lenta nel forno fa sì che le costolette rimangano belle tenerine e si stacchino facilmente dall’osso, senza mettervi di fronte al dubbio cocente del “lascio mezzo porco attaccato all’osso e sembro una persona civile, o mangio sgranocchiando la costola con le mani e perdendo ogni rimasuglio di sex appeal ma godendo spasmodicamente?”.

Allora, giunta a questo punto della rubrica natalizia, mi rendo conto che io non vi ho spiegato una sega di come funzioni nella pratica il Natale nel biondomondo. Sono una pessima blogger, chiedo venia.

Per cui procedo.

Come vi avevo già detto secondo i viKi il giorno di Natale è il 24. Hanno fretta.

La mattina del 24 si fa colazione, si fa un pranzo leggero e si cucina tutto il giorno per prepararsi ad ingurgitare una quantità abnorme di roba durante la Julafton, ovvero la “sera di Natale”, il cui esito è sempre ubriachezza molesta, molto spesso un Salto Angel di vomito, spesso un bypass gastrico e in qualche caso morte.

natalecomunista

Ah ecco, parentesi… io non so se si va in chiesa la sera del 24 o il giorno del 25, perché non ho mai assistito ad una messa in vita mia, né al Sud né al Nord, e quindi quando ho fatto il Natale in Svezia non ho partecipato a niente di religioso.
E’ stato già uno shock festeggiarlo, il Natale, dato che sono stata allevata da due alquanto tediosi marxisti ortodossi, per cui nella mia famiglia neanche abbiamo l’albero.

Però i viKi ci vanno anche loro a messa, non crediate che siano cose da terroni: come vi ho spiegato qui i viKi sono un popolo discretamente baciapile.

E comunque via, penso che ormai saprete che se cercate un bollettino teologico avete nettamente sbagliato blog, io vi parlo di cibo, di alcol e di generiche trivialità, scherzo coi fanti e lascio stare i santi, quindi se volete sapere quando si va in chiesa per il viKiNatale cercate meglio su Google, che siete fuori strada.

Bene, a proposito di non religione stavamo parlando di Natale. Curioso.

Allora, durante la sera del 24, che se siete stati attenti ricorderete essere il dopparedagen (per questo stomachevole motivo), si prende un bel tavolone di quelli lunghi e ci si piazzano sopra 6 o 7 tonnellate della roba che si è cucinato per tutto il giorno, in quello che si chiama julsmörgåsbord “buffet di Natale”, o julbord “tavolo di Natale”.

Il buffet di Natale comprende obbligatoriamente pane di segale di ogni forma e consistenza, aringhe marinate (che vi ho già fatto qui e qui, ma ce ne sono altri milioni di tipi), il prosciutto di Natale, la tentazione di Jansson, il salmone con la salsa di senape, le costolette di maiale che vi faccio oggi, le famose polpettine, l’insalata di barbine rosse, il leverpastej, il risgrynsgröt (di cui vi ho parlato qui), i prinskorvar che sono würstel piccini fritti nel burro (oh yes) e serviti con la senape, fagioli neri e pancetta, patate lesse come se non ci fosse un domani, e altre milioni di cose che ora non mi vengono in mente.julbord

Io non so se vi cucinerò tutto, di sicuro non vi farò i würstel fritti nel burro sia perché non so fare i würstel, sia perché voglio arrivare a 30 anni senza che mi schizzino le coronarie. Le altre cose proverò a farvele, ma se un giorno smetto è perché mi sono rotta le balle di fare la roba di Natale, e allora aspetterete l’anno prossimo.

Come spesso nelle occasioni di viKifesta in cui ci sono più piatti presenti in tavola che cinesi nel mondo, si cena in piedi e ci si serve con ognuno il suo piattino (e il suo bicchierino soprattutto, perché si deve anche trincare di molto, obviously).

Il pomeriggio della vigilia, comunque, oltre a cucinare come matti, c’è un appuntamento IMPERDIBILE, alle 15:00 stecchite.

A quell’ora ogni viKi si rincoglionisce e corre davanti alla televisione, che nemmeno un 14enne su Youporn.

E per vedere cosa?

Questo non ve lo dico, ve lo dico la prossima volta così avrò un altro argomento di cui parlare.

INGREDIENTI PER 6 PERSONE:

  • 1 kg di costolette di maiale
  • 2 cucchiaini di sale
  • 1/2 cucchiaino di pepe nero
  • 1/2 cucchiaino di zenzero in polvere
  • 1/2 cucchiaino di maggiorana in polvere
  • 1/2 cucchiaino di pepe di Caienna
  • (15-20 piccole patate lesse per servire, ma potete usare anche un altro contorno)

PREPARAZIONE:

Accendere il forno a 175 °C.

Mescolare in una ciotolina il sale, il pepe, lo zenzero, la maggiorana e il pepe di Caienna e cospargere le costolette.

Mettere le costolette su una griglia avendo cura di mettere sotto la griglia una teglia capiente per raccogliere il grasso che si scioglierà.

Far cuocere per un’ora e mezzo, rigirando le costolette di tanto in tanto.

Servire con delle patate lesse su cui avrete versato il sughetto che si sarà raccolto nella teglia (mai detto che fosse un piatto dietetico).

Revbensspjäll pronte!

Revbensspjäll pronte!

Buon appetito!

I.

Ghetti linguistici, sterilizzazioni di massa, xenofobia e… perché no? Kåldolmar.

La ricetta di oggi (i buonissimi kåldolmar) è chiaramente una ricetta dal sapore etnico. Nel senso, appartiene di diritto alla cucina svedese, ma riflette importanti origini ottomane.

Tanto per cominciare, se lo svedesissimo kål sta a significare “cavolo“, dolmar (singolare dolme) è invece una parola di origine turca che indica “ripieno“.

Sono delle polpettine di carne avvolte in una foglia di verza, simili agli involtini greci dove però la foglia è di vite. Si dice che furono introdotti in Svezia perché Carlo II, dopo aver preso gli schiaffi da Pietro il Grande della Madre Russia, andò in esilio in Moldavia, all’epoca controllata dall’Impero Ottomano, poi ritornò in Svezia e si portò dietro qualche ottomanuccio che cucinasse per lui, per cui insomma, si ha ragione di ritenere che i kåldolmar siano presenti stabilmente nella cucina svedese dalla prima metà del ‘700.

Che poi anche la parola dolme ha una storia interessante, visto che, per quanto le sue origini siano turche, è usata in tutta la vasta area un tempo controllata dall’Impero Ottomano, e quindi anche in altre lingue altaiche come l’azero (dolma), in lingue caucasiche come il georgiano (ტოლმა), indoeuropee come il greco (ντολμάς) e il farsi (دلمه), e semitiche come l’arabo (دوُلما).

L’impero Ottomano alla sua massima espansione

Ecco, se non vi siete sfavati dopo la scivolata linguistica che nei miei post è sempre in agguato, continuo con argomenti meno ipnoinducenti.

La commistione linguistica riflette ovviamente una situazione di commistione etnico-culturale, e a seconda di come questa situazione si presenta è possibile trarre delle conclusioni.

In Svezia innanzitutto l’immigrazione è una realtà davvero massiccia.
Ho cercato delle statistiche ma non le ho trovate, anche perché penso che non sia semplicissimo quantificare la realtà della situazione, perché dipende da vari fattori, es. dalla facilità con cui si ottiene la cittadinanza, dai livelli di immigrazione clandestina (piccolo inciso: in Svezia i clandestini non hanno diritto alla sanità, anche se quest’estate è stata avanzata una proposta di legge per curare anche loro, porelli, sia mai che infettino gli altri), da chi poi ritorna in patria, etc.

Comunque, anche se non ho dati alla mano fidatevi, sono tanti.

Bene, gli svedesi si sono sempre pavoneggiati (oddio, riuscite a immaginarlo?!) di essere un grande melting pot in cui i bambini giocano tipo pubblicità dei Ringo, dove i confini sono solo nella nostra mente e siamo tutti figli dell’universo e dobbiamo amalgamarci insieme, etc.

PURTROPPAMENTE, avvenimenti recenti e meno recenti dimostrano che, ecco… non è esattamente così. Forse anche stavolta cari viKi, avete peccato di hýbris e credete il vostro paese leggermente più ganzo di quello che davvero è.

Allora, innanzitutto una cosa di cui non si parla mai è la grande sterilizzazione di massa avvenuta tra il 1945 (sì dai, la scusa del nazismo nel ’45 non ce l’avevate più, rassegnatevi) e il 1975.
1975 vuol dire che i Beatles si erano già sciolti. Rendiamoci conto.

Di questo gli svedesi non parlano volentieri, ma è una cosa abbastanza semplice da spiegare: la sorridente socialdemocrazia sterilizzò 63mila persone in 40 anni (90% donne, che tanto se la ripassano sempre peggio) per garantire uno stato sociale migliore.
Inizialmente venivano sterilizzati ‘solo’ disabili, persone con comportamenti sessuali promiscui e mamme single (sì, questi erano i loro anni ’60), però poi ci si chiese: e perché non i negri? E quindi si iniziò a sterilizzare anche persone di etnia non grata.

E chi vince a mani basse nella storia per averlo preso in culo sempre e comunque? No, non sono gli ebrei, anche se sì insomma, è la prima cosa che viene in mente.
Riflettete ancora e pensate ad un altro ceppo etnico, anch’esso finito massicciamente nei lager, che però non ha giorni della memoria, commemorazioni, film di Spielberg, assolutamente non circondato da un senso comune e interiorizzato di simpatia e difesa (anzi)…
Esatto bravi, i rom.

Tra l’altro l’anno scorso i cristiano-democratici (l’UDC svedese) hanno timidamente proposto di far sterilizzare i transessuali, ma qui andiamo off topic.

Per quanto riguarda gli avvenimenti più recenti, certo, senz’altro questi sono molto meno nazisticamente sistematici, ma insomma, destano preoccupazione: i quartieri-ghetto per immigrati di Malmö (come il ridente distretto di Rosengård, quello di Ibrahimovic, dove i vigili del fuoco non si muovono senza scorta della polizia) sono diventanti praticamente zona di guerra, il partito Sverigedemokraterna (per la serie: e menomale siete demokraterna, se no erano cazzi acidi), una specie di nazi-fasci-Lega, due anni fa ha ottenuto i seggi in Parlamento ed è in crescita costante…
Insomma, la situazione è tesa anche nel biondomondo.

Una cosa che a me ha particolarmente sconvolto, ritornando alla linguistica, è la presenza di una specie di creolo.
Allora, brevemente, le lingue pidgin sono lingue che derivano da un contatto costante tra parlanti di lingue diverse, soprattutto in seguito alla colonizzazione.
Es. io uomo bianco trascino schiavi da India, Cina e Kenya sull’isola di Tongatapu e a suon di fucilate nei piedi gli chiedo la cortesia di costruirmi una capanna: con un’arma da fuoco appoggiata su una tempia vedrete che inizieranno ben presto a comunicare, creando una lingua mista che abbia come sostrato quella che parlo io, visto che a loro interesserà principalmente compiacere me, più che ciaccolare dei cazzi loro, e in più innumerevoli elementi non solo lessicali, ma anche morfologici e sintattici, delle loro madrelingue, per poter cooperare per il raggiungimento della mia felicità.

Se poi questi parlanti insegneranno questa lingua ai loro figli, da lingua pidgin si passerà a lingua creola, che è come il pidgin ma ha la grande differenza di essere una lingua madre per un parlante.

Ora, in Svezia la situazione è lievemente diversa, ma il meccanismo è sorprendentemente simile.
Questo socioletto (dialetto differenziato in base al gruppo sociale, non al luogo) è un fenomeno linguistico sorto intorno agli anni ’80, definito in vari modi, uno più simpatico dell’altro:

  • Invandrarsvenska = svedese degli immigrati. Che siano cinesi, italiani, egiziani, aborigeni, è irrilevante.
  • Miljonsvenska = dal Programma Milione, programma di alloggi attuato in Svezia tra il 1965 e il 1974 dal Partito Socialdemocratico Svedese, che tra un ferro rovente inserito nella vagina di qualche giovane fanciulla e un altro, volle costruire un milione di nuove abitazioni-casermoni per rinchiuderci gli stranieri.
  • Förortssvenska = svedese dei sobborghi. Perché la gente che puzza mica la mettiamo in centro, che ci rovina l’immagine.
  • Rinkebysvenska = dal nome di Rinkeby, un sobborgo di Stoccolma che conta circa 15.000 abitanti, 89% dei quali immigrati di prima o seconda generazione.
  • Shobresvenska = lo svedese dello “Sho bre!”, in invandrarsvenska “Ciao fratello!”.

La bellissima Rinkeby

Oh, comunque la Norvegia riesce a fare persino di peggio.

Anche lì infatti c’è questo curioso fenomeno, e il nome che viene dato a questa forma linguistica è, udite udite: KEBABNORSK!
Sono immigrati = fanno kebab. E questa definizione la troviamo tranquillamente anche nei libri di scuola, insomma, non è considerata offensiva. Poi ci si meraviglia di un Breivik?

BTW, la cosa agghiacciante è che l’invandrarsvenska non cambia molto tra città e città.
Nel senso, l’invandrarsvenska di Göteborg non è poi così differente da quello di Stoccolma e Malmö.
Certo, ci saranno delle piccole variazioni di accento, ma in generale, pur essendo fatto di termini presi da diverse lingue (in testa arabo, turco, serbo-croato, romaní, ma anche inglese e spagnolo) in contesti di segregazione razziale, perché di questo si tratta, gli immigrati che parlano questo tipo di svedese, che vengano dalla Scania o dalla capitale si capiscono perfettamente.
Ciò porta alla logica conclusione che gli immigrati si spostano molto, ma stanno sempre tra di loro.
E all’altrettanto logica conclusione che non formano gruppi chiusi come può essere una China town o un quartiere marocchino, etc. ma gruppi aperti a patto che siano costituiti da NON svedesi, o anche da svedesi molto poveri e disagiati che vivono in queste periferie, diciamo quella fauna umana che negli Stati Uniti (famosisssssssimi nel mondo per la tolleranza razziale) viene definita white trash, come se fosse un ossimoro. Voglio dire, non ci sarebbe niente di strano se la trash fosse black, neanche lo staremmo a specificare, ma cazzo se è white allora va rimarcato!

Ecco, questo e la mia esperienza personale mi hanno permesso di formulare l’idea che la Svezia NON sia un paese razzista.
Mi spiego meglio: se sei nero, quindi palesemente diverso dal viKi stereotipo, ma parli con l’accento bene di Stoccolma, ti vesti come un cugi e vai nei locali yeah, non vieni discriminato particolarmente. Magari in qualche posto particolarmente di merda da qualche persona con un cervello particolarmente di merda, sì, ma comunque non in modo rappresentativo.

Ma se sei anche biondo e bianco e ti chiami Sven Svensson, ma ti collochi su una linea di diversità, ad esempio parlando l’invandrarsvenska, sei in un mondo a parte. Un mondo che tendenzialmente non si vuole frequentare più di tanto, un mondo di cui non si parla, un mondo che fa paura, o che viene deriso, un mondo che nella storia è stato oggetto di tanti allegri genocidi. Il mondo del “diverso da me”.

E guardate, senza andare tanto lontani, basta essere italiani: a me mi hanno fermato all’aeroporto in modo molto brusco (a Skavsta c’è la stanza della perquisa per scuri, eravamo io e altra gente etnica a svuotare le valigie, i biondi passavano tutti tranquilli), nei luoghi di cazzeggio mi hanno dato della mafiosa reiterate volte, a lavoro mi hanno dato della ladra (N.B. era sparita una penna del valore commerciale prossimo allo zero e si è dato per scontato che la avessi presa io… lo sapete cosa potete farci con le vostre penne?!), mi hanno preso per il culo in ogni modo possibile, anche su cose che non ci combinavano un cazzo, mi hanno detto perfino che la pizza italiana fa schifo, mi hanno fatto piangere, e sentire piccola e sbagliata.

Questa è stata la mia esperienza tra Uppsala, Linköping e Stoccolma; è per quello che io spero sempre in Göteborg. Magari sono stata sfortunata, o sono davvero una stronza e il mondo mi odia, magari somiglio alla sorella carina di Provenzano, chissà.

Una volta perfino un tipo che mi sembra di ricordare che fosse turco, ma insomma comunque un non nativo, mi disse in un pessimo inglese: We are the best, Italians are all bastards. Quindi ecco, lui era decisamente inserito nel mondo viKi, al contrario di me (ecco anche perché i concetti di ‘Unione Europea’ e di ‘extracomunitario’, mi fanno davvero ridere le balle).

Comunque sia, analizzando questi poco piacevoli avvenimenti, mi sono resa conto che in Svezia il problema non è il razzismo, ma la xenofobia: sì, puoi essere nero, te lo concediamo, ma è meglio se non lo fai notare troppo, e ti comporti facendo finta di essere biondo.

INGREDIENTI PER CIRCA 15 DOLMAR (4-5 persone)

Per il risgrynsgröt:

  • 1/2 dl d’acqua
  • 20 gr. di riso Jasmine
  • 5 gr. di burro
  • 50 gr. di latte intero
  • mezzo cucchiaino di cannella

Per gli involtini:

  • 1 cavolo cappuccio bianco piccolo
  • 2 cipolle bianche
  • 20 gr. di burro
  • 150 gr. di macinato di manzo
  • 150 gr. di macinato di maiale
  • 1,5 dl. di latte intero
  • 2 uova
  • un pizzico di pepe nero
  • un pizzico di noce moscata
  • sale q.b.
  • un cucchiaio di zucchero

Per la salsa:

  • 5 cucchiai di zucchero
  • 15 gr. di burro
  • 25 gr. di panna fresca
  • 1 cuore di brodo
  • 2 bicchieri di latte intero
  • 1 cucchiaio di fecola di patate
  • 1 cucchiaio di farina

Per servire:

  • 12-15 piccole patate
  • marmellata di lingon

PREPARAZIONE

Innanzitutto fare il risgrynsgröt mettendo in un pentolino piccolo con i bordi alti l’acqua, il riso e il burro. Portare a ebollizione e far bollire a fuoco bassissimo per 5 minuti, circa. Poi aggiungere il latte e la cannella e far bollire per altri 20-25 minuti, mescolando spesso e facendo attenzione a non fare attaccare il riso alla pentola.

Far bollire il cavolo in abbondante acqua salata per circa 15 minuti e poi staccare 15 foglie. Farle asciugare bene.

Far soffriggere le cipolle tagliate finissime in circa 10 gr. di burro. In una terrina mescolare il risgrynsgröt, la carne, il latte, le uova, il pepe, la noce moscata e aggiungere le cipolle.

Far scaldare il forno a 225 °C.

Prendere a pugni il composto e fare 15 palline che andranno messe ognuna in una foglia di cavolo. In tutte le ricette pare che per fare gli involtini si debba togliere la parte dura della foglia, arrotolare, e poi magicamente l’involtino viene da sé. Io ho avuto delle difficoltà nel farli carini, per cui insomma, arrangiatevi. Magari aiutatevi con uno stuzzicadenti.

Foderare una teglia di carta da forno bagnata e strizzata e adagiare gli involtini. Sciogliere i restanti 10 gr. di burro in un pentolino piccolo, cospargere gli involtini e spolverarli con lo zucchero.

Far cuocere nel forno per 30-35 minuti.

Quando saranno pronti preparare la salsa: raccogliere il sughetto che si sarà formato in un pentolino, aggiungere lo zucchero, il burro, la panna e il cuore di brodo. Con il fuoco molto basso, far sciogliere il cuore di brodo.

In una tazzina da caffè far sciogliere la fecola con pochissimo latte e aggiungere alla salsa. Aggiungere il resto del latte e il cucchiaio di farina setacciata.

Tenere sul fuoco finché la salsa non si addensa (per farla più densa aggiungete la fecola ricordandovi di scioglierla a parte; per farla meno densa aggiungere latte).

Servire con le patate lesse e l’immancabile marmellata di lingon.

Kåldolmar pronti!

Buon appetito!

I.

Di potatismos, viKi-scuola e bandiere.

Sto latitando in questo periodo, perché voi pensate che io sia una nullafacente (che in realtà poi è anche vero), però cari miei sappiate che anche i nullafacenti attraversano il periodo-sessione-d’esami, e in quei periodi è meglio sospendere l’autocompiacimento verso le proprie stronzate e fare qualcosa di utile.

Vabbè ok, la mia resipiscenza è durata come un gatto sull’Aurelia, dato che mi sono appena messa a scrivere ‘ste cazzate.

E quindi alé, si parte, e oggi parliamo del (o della) potatismos, o meglio del purè di patate. Potatis = patate; mos = purea.

Potrei anche non insegnare a nessuno a fare il purè, e sembrerei meno ridicola, ma siccome quello italiano non l’ho mai fatto (l’unica al mondo, aggiungerei) metto la ricetta lo stesso perché sia mai che quello svedese sia diverso. Si vede che sono poco creativa in questi giorni, vero?

Vi giuro, la prossima ricetta sarà meno inutile. D’altronde scusate, esiste anche il purè nel mondo, poverino. E poi in Svezia lo infilano praticamente nel biberon ai bambini, quindi è un must della cucina viKi. (Ah, attenzione, in Svezia è altresì molto frequente aggiungerci il ketchup, io vi prego, se mi volete un pochino di bene, di non farlo).

Ho pensato giorni e giorni ad un argomento da collegare al purè per questo post… e non ho trovato niente. Dei mille modi di chiamare le patate ve ne ho parlato qui, così come dell’Accademia della patata… Ho fatto le solite battutine idiote sulla patata (così come non mi sono persa neanche la fika, tranquilli), e mi sono detta da sola di essere una grande simpaticona.

Per cui ora mi guardo intorno mestamente e ammetto con tutto il candore di questo mondo che non riesco a pensare a niente da dirvi che si possa ricollegare al purè. Vuoto totale. Encefalogramma piatto.

In realtà vorrei tanto parlare di una cosa che non c’entra proprio nulla con le patate, e a tal proposito vi sbatto in faccia il fatto che l’altra sera la mia amica Gemma mi ha detto di fottermene di cercare collegamenti e mi ha consigliato di fare un po’ come cazzo mi pare. Quindi con la benedizione della Gemma vi parlerò della scuola svedese.

Sì, scuola svedese & purè di patate, avete sentito bene. Se c’è qualcosa che non vi torna, andatevi a leggere il blog di Benedetta Parodi e non mi rompete le scatole, io so quello che faccio.

Quali sono le prime associazioni mentali quando pensate alla scuola in Svezia? Bene, non ne ho idea, ma so di sicuro che saranno sbagliate

Schemino della scuola dell’obbligo svedese

Il sistema scolastico svedese infatti somiglia molto a quello italiano, quindi è inutile che vi fate tante pippe mentali su come potrà mai essere la scuola nel regno del Welfare. E’ più o meno la stessa zuppa, anche se nettamente diversa è la scansione dei livelli scolastici all’interno della sua durata complessiva. In Italia (cosa ve lo dico a fare?) abbiamo 5 anni di elementari, 3 anni di medie, 5 anni di superiori. In Svezia invece 3 anni di livello inferiore, 3 anni di livello medio, 3 anni di livello superiore, 3 anni di ginnasio.

Eh sì, in Svezia si studia un anno meno, e si entra a scuola a 7 anni. Immagino la pacchia per i ragazzini.

Nei primi anni di scuola elementare e media le differenze tra Svezia e Italia sono minime. Maestro unico alle elementari, scuole private con finanziamenti dallo Stato, maestre donne sia per tradizione sia perché i salari sono più bassi, etc. Cose a cui siamo abituati anche noi terroni, insomma…

Cosa a cui non siamo abituati invece sono: 1) non è la scuola a decidere di bocciare un bambino, ma i genitori (LOL) 2) si può avere come insegnante il proprio genitore (altro LOL).

La scuola superiore invece è abbastanza diversa: non c’è un aula fissa ma ci si sposta di aula in aula a seconda della lezione. In realtà questo lo facevo anche io, però non vale, perché io ho fatto un Istituto d’Arte, e quindi ero figa. Tutti gli altri che non hanno avuto l’onore di essere fighi come me hanno avuto l’auletta sgrausa con sopra scritto il nome della classe. Ben vi sta.

Altra cosa FONDAMENTALE: non c’è l’esame di maturità! E yuhuuuu, altra pacchia.

Immaginatevi adesso di avere un fischietto tricolore al collo. E ora vergognatevi pure.

La fine della scuola (detta studenten) in Svezia infatti consiste semplicemente in: mettersi un cappellino da marinaio in testa (studentmössa: Wikipedia mi dice che mössa vuol dire toque… boh, ai mi’ tempi si chiamava “cappello”), fare casino, sbronzarsi (strano), molto frequente è finire la giornata con delle celebrazioni in chiesa (eh sì, questi problemi ce li hanno anche lassù), e poi altrettanto comune è vestirsi da damerini anacronistici per il ballo di fine anno. Sì, la puttanata americana del ballo di fine anno c’è anche in Svezia, e il mio Jansson l’ha fatto. Ve lo dico solo perché se lo incontrate dovete prenderlo per il culo per questo, davvero, se lo merita 😉

Altra cosa della festa di fine scuola: ognuno si porta addosso da qualche parte, ci addobba la propria casa, ci farcisce le torte, e si tatua anche sulla pelle, magari, l’onnipresente bandiera svedese. Sì, in Svezia ti abituano fin da piccolo a questa associazione pavloviana: festa = Svezia. Poi uno si meraviglia che sono nazionalisti a manetta, per forza, da quando sei nato ti installano nel cranio un chip giallo e blu. Comunque della storia delle bandiere in-tutti-i-modi-in-tutti-i-luoghi-in-tutti-i-laghi, ne riparleremo presto, perché è un discorso che merita approfondimento.

Tizio che si trascina addirittura il bandierone a giro.

Non vi sto invece a parlare del livello qualitativo della scuola perché 1) scio segam 2) dipende troppo da città e città e da scuola e scuola 3) allo stesso modo che in Italia ci sono punte di scuole buonissime e punte di scuole di merda 4) non ne ho voglia.

La cosa di cui vi voglio invece parlare è del periodo in cui si va a scuola.

Dunque, l’anno scolastico inizia il 20 Agosto! Poveracci! E’ anche vero che se non hai l’estate cosa te ne frega di stare a romperti a casa? Meglio la scuola. Finisce il 15 giugno anche da loro, ma hanno più feste durante l’anno scolastico. Pasqua, Natale e fin qui ci siamo. E poi Ascensione, Pentecoste, vacanze di primavera (una settimana a fine febbraio) e vacanze d’autunno (una settimana a fine novembre).

E parliamo così delle vacanze di autunno… Anche in Danimarca i ragazzetti a scuola hanno questa settimana di kazzing estemporaneo, e indovinate da cosa viene? Dalla raccolta delle patate!! E così frego la Gemma e vi trovo anche l’aggancio con la ricetta.

Praticamente da che mondo e mondo, i bambini in Europa hanno lavorato fino all’altro giorno, no? E in tutte le scuole d’Europa nel periodo dei raccolti a scuola i bambini non ci andavano, perché stavano a π/2 a vangare la terra. Ecco, se da noi i bimbi raccoglievano il grano, mettiamo, in Svezia i bambini raccoglievano le patate.

Quindi questa vacanza venne introdotta nelle scuole per permettere ai bambini di raccogliere le patate senza perdere le lezioni. Che dolci, vero?

E da qui, facendo un altro volo pindarico, vi posso anche dire che per il purè NON si devono usare le patate fresche, ma preferibilmente quelle farinose (tanto andate tranquilli perché in Italia le patate del supermercato fanno tendenzialmente cagare e sono tutte farinose), altrimenti il purè sembra dentifricio.

Questa perla di saggezza viene dalla Jansson superiora, ovvero la mmmadreeee di Sua Biondezza, che in cucina ne sa una più del diavolo, e tra l’altro mi ha recentemente dato una ricetta spettacolare, tipica di un posto spettacolare. Devo ancora farla, quando la smetto di non-studiare ve la faccio.

Dai, dopo una ricetta pallosa come il purè, dovevo stuzzicarvi un po’…

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:

  • 12 patate
  • 50 gr. di burro
  • 250 ml di latte intero
  • 50 ml di panna fresca
  • sale
  • pepe bianco
  • noce moscata

PREPARAZIONE:

Sbucciare le patate e bollirle normalmente. Magari fatele a pezzetti prima, così ci vuole meno tempo (vedi: consigli pleonastici).

Asciugare le patate e rimetterle in pentola, schiacciarle e aggiungere il burro, il latte e la panna.

Aggiustare di sale, di pepe e di noce moscata.

Potatismos pronto/a!

Buon appetito!

I.

Bakad potatis med skagenröra

Quello di oggi è un altro piatto di ‘pesce‘, anche se il sapore del pesce non è che si senta più di tanto, è più il sapore della salsetta grassa a rendere buono il tutto, come sempre.

Le bakad potatis in realtà possono essere riempite con molte cose, quelle più frequenti sono: skinkröra (cremina con prosciutto), bacon, kycklingröra (cremina con pollo), pollo al curry e skagenröra. Ho scelto lo skagenröra perché avevo voglia di postare un piatto di pesce, e perché sono le mie preferite dopo quelle con il pollo al curry, ma Sua Biondezza mi ha proibito di inserire il pollo al curry su un blog di cucina svedese (ecco, ma dovrebbe essere un indiano a risentirsi dell’accostamento, non uno svedese, cribbio), quindi beccatevi lo skagenröra.

Lo skagenröra è un insieme di gamberetti, maionese, e aneto nella ricetta originale. In realtà poi nel tempo ci si è aggiunto limone, panna acida e uova di pesce (se usate quelle di storione siete raffinati, se usate quelle di salmone siete ganzi, se usate quelle di lompo siete dei purciari, oppure non avete trovato le altre due varietà e avete preso le uniche che il Pam vi proponeva, oppure fate finta di non aver trovato le altre varietà perché siete dei purciari ma vi vergognate ad ammetterlo).

Il nome skagenröra deriva da un paesino di pescatori della Danimarca, ma i danesi, che pure cucinano molto meglio degli svedesi, o almeno così si dice, non c’entrano nulla, perché il piatto lo ha inventato Tore Wretman, un cuoco svedese d’origine controllata e garantita, che è morto poverino (nel senso, poverino ma era nato nel ’16, alla fine non lo ha strozzato la balia).

Il buon Tore

Si dice che questo piatto sia nato allorché Wretman durante una regata ha introdotto tutto ciò che era nella stiva della barca dentro un pentolino e lo ha servito a cena, e gli ha dato il nome del paesino che in quel momento si trovava di fronte alla barca, ovvero Skagen. Può essere, anche se in questo caso uno svedese che decide di chiamare un piatto che ha appena inventato con un nome che ricordi qualcosa che provenga dalla Danimarca va lodato, visto che di solito gli svedesi non hanno i danesi molto simpatici (poverini, a me invece mi sembrano dei personaggioni).

Comunque, in realtà questa poltigliaröra è molto più famosa spalmata sul pane, quindi potete usarla anche come antipasto di pesce: prendete del pan carré, soffriggete del burro in una padella e mettete il pan carré a cuocere in padella da una parte e dall’altra finché sfrigola. A quel punto mettete lo skagenröra sul toast e avrete fatto un altro piatto svedese: lo Skagentoast, antipasto molto diffuso.

C’è una variante nella zona di Göteborg. Sì perché nella West-Coast svedese non c’è né Hollywood, né Tupac e il gangsta rap, in compenso ci sono un casino di granchi, e quindi la loro versione dello skagenröra prevede l’aggiunta anche di pezzetti di granchio. Se lo avessi saputo prima lo avrei fatto ben volentieri, ma ormai il piatto l’ho già cucinato, e avendone fatti miiillllle chili non ho nessuna intenzione di rifarlo aggiungendo il granchio. Mi fido però che sia buono.

Oltre a bakad potatis e toast, un altro simpatico posto dove mettere lo skagenröra è l’avocado, levate il nocciolo e ci mettete questa cosa qui, e secondo me fate anche uno strafigurone. E poi, è vero che l’avocado non è proprio un frutto da circolo polare artico, però gli svedesi lo hanno introdotto in modo massiccio nella loro dieta (talvolte anche facendo mistini che è meglio non divulgare per la salute pubblica), quindi con l’avocado potete anche fare i fighetti nordici.

INGREDIENTI PER 8 PERSONE:

  • 8 patate enormi, le più grosse che riuscite a trovare
  • 800 gr. di gamberetti sgusciati
  • diversi ciuffetti di aneto
  • 2 dl di maionese
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1 pizzico di pepe nero
  • 1 cucchiaio di succo di limone
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • 1 tazzina di birra
  • 1/2 cucchiaino di semi di anice
  • 2 cucchiai di cipolla rossa tagliata fine
  • 150 gr. uova di lompo (tre barattolini piccoli)

PREPARAZIONE:

Accendere il forno a 225 °C e mentre scalda sciacquare, spazzolare e asciugare le patate, senza togliere la buccia. Bucherellarle e cuocerle al centro del forno per circa un’ora(dipende dal forno).

Gamberetti a pezzi

Skagenröra

Nel frattempo mettere a bollire un litro d’acqua, con un bel po’ di sale (due pugni), un cucchiaio di zucchero, una tazzina da caffè di birra, mezzo cucchiaino di semi di anice e un ciuffetto di aneto.

Appena l’acqua bolle mettere i gamberetti e farli bollire solo per 2-3 minuti massimo, e appena scolati immergerli immediatamente in acqua fredda per farli rimanere morbidi.

Tagliare i gamberi in pezzi abbastanza piccoli e mescolarli con l’aneto, la maionese e la panna acida e le uova di lompo. Insaporire con sale, pepe, succo di limone e cipolla.

Patata con taglio a X

Lascia riposare un pochino la salsa nel frigorifero.

Visione artistica della patata scavata

Quando le patate sono pronte toglierle dal forno e tagliare una X in ogni patata,

premendo poi l’interno della patata dentro la patata stessa, in modo da scavare un buco che andrà riempito con la salsa di gamberi.

Dopo aver riempito ogni patata con lo skagenröra (facendolo strabordare un po’) mettere un ciuffetto di aneto in ogni patata per guarnire.

Bakad potatis con skagenröra pronte!

Buon appetito!

I.

Potatissallad feat. David Jansson

Questa ricetta mi è stata gentilissimamente suggerita da David Jansson. Questo Jansson non è della stessa stirpe dell’inventore dell’omonimo piatto natalizio a base di aringa, comunque in Svezia hanno tutti lo stesso cognome: mai vista una partita della nazionale svedese? Si chiamano tutti Andersson, non capisco come fanno i cronisti svedesi a farsi capire.

By the way, questo Jansson qui, a.k.a. Sua Biondezza, è il mio viKingfidanzatino, ed è oggi molto orgoglioso di comparire su questo blog.

Diciamo che cucinando la sua potatissallad (che come ogni tanto ripete presuntuosamente “ha fatto piangere generazioni”) David ha conquistato tutti i miei amici, e portato la cucina svedese alla ribalta durante un’improbabile cena natalizia (con tanto di albero addobbato per l’occasione) celebrata a Pisa il 17 febbraio di qualche anno fa.

Di potatissallad nella cucina svedese ce ne sono tantissime, però la sua è spaziale, e non lo dico soltanto perché così solleticando l’ego testosteronico la cucinerà lui, ma perché è vero, e le mie amiche possono confermare.

Lo so che all’apparenza può sembrare che gli ingredienti siano stati messi insieme in modo totalmente casuale, e probabilmente è così, però è il risultato è quello che conta, e Jansson ha superato la prova.

L’insalata di patate in Svezia viene usata spesso per accompagnare le polpette, ma… nonsolopolpette -umorismoumorismoumorismo-.

La prima volta che l’ho mangiata, ed è stato subito amore, è stato durante una festa alcolica svedese, chiamata Valborg.

Ho scoperto su Wikipedia un secondo fa che il nome italiano di questa festa è “Notte di Valpurga” (anche se in Svezia è festeggiata più che altro di giorno). Comunque sia sarebbe la festa per l’arrivo della primavera, e viene celebrata il 30 aprile. Eh… poveracci, lì la primavera arriva dopo.

Durante Valborg ho visto e fatto cose che voi italiani non potete neanche immaginare: mi hanno svegliato alle 8 del mattino con champagne e fragole e vodka orange, sono andata in un parco enorme e ho visto masse di biondi barcollanti che orinavano accanto al chiosco degli hotdog, mentre altri biondi COMPRAVANO quegli hot dog (questo infatti mi è sembrato ancora più strano), poi mi hanno portata in un posto dove devi tirarti lo champagne addosso, e un viKingo ENORME deve aver capito male come funzionava e mi ha tirato addosso tutta la bottiglia intera (tagliandomi mezza caviglia), poi mentre mi tenevo un fazzolettino sulla caviglia una ragazza mi ha dato un bacio appassionato sotto una pioggia di champagne… Insomma, un’esperienza lisergica tipo Dumbo e i rosa elefanti. Lo so che descritte così sono scene di barbarie nuda e cruda, ma penso di non essermi mai divertita così tanto in tutta la mia vita…

…il giorno dopo, il parco dove era successo tutto questo era una distesa di rifiuti, e penso che anche gli spazzini non si siano mai divertiti così tanto in tutta la loro vita. Vi metto anche una foto perché se no non ci credete.

Valborg: the day after...

Ma insomma, tornando alle nostre patate… La potatissallad è usata spesso come piatto diciamo “da battaglia”, perché la vendono già pronta nelle scatoline di plastica al supermercato (dove ci sono tipo 7 ripiani refrigerati che ospitano solo potatissallad), quindi è comoda da portare in giro, e per questo a Valborg è molto usata: per pranzo infatti viene fatto un pic-nic in un grande parcone (tempo permettendo, io sono stata fortunatissima), e tutti si portano barbecue usa e getta, e la potatissallad accompagna i würstel (o korv) di quasi ogni persona.

Ora, so che dirvi che un piatto mi è piaciuto tantissimo dopo una mattinata iniziata con un vodka orange non vi fa pensare a niente di buono, ma ho avuto occasione di mangiarla tante altre volte, anche da sobria. Giuro!

Comunque è facile da preparare: l’unica menata è fare aspettare una notte la panna acida, per cui potete pensarci una notte prima e seguire la mia ricetta, o comprarla già pronta. Si dice però che il giorno dopo la potatissallad sia ancora più buona, perché tutti gli ingredienti si mischiano completamente. Può darsi, a me non mi è mai arrivata al giorno dopo.

Scrivo la ricetta di Sua Biondezza, ma potete aggiungere cosa volete, state pur sicuri che ogni variante inventerete in Svezia l’hanno già inventata. E HA UN NOME.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:

700-800gr. di patate

2 mele

8 ravanelli

1 dl di maionese

2 dl di panna acida

1 porro

1 mazzetto piccolo di erba cipollina

qualche ciuffetto di aneto

2 cucchiaini di senape

Sale e pepe a piacere

PREPARAZIONE:

Bollite le patate e fate raffreddare.

Mentre le patate raffreddano mescolate la panna acida, la maionese e la senape. Tagliate tutto a pezzi e buttate dentro (il porro tagliatelo particolarmente fine).

Guarnire con un ciuffetto di aneto e servire con tutto quello che volete.

Potatissallad pronta!

Buon appetito!
I.

Midsommarsill moooolto in anticipo

Ho deciso che è estate. Sia perché il freddo mi ha francamente rotto, sia perché a Milano c’è uno stellone assurdo e una sessantina di gradi, quindi fino a prova contraria E’ estate.

Per queste ragioni, ma non solo per queste, ho deciso che la ricetta di oggi sarà la ricetta tipica del Midsommar svedese (non lo avevate notato il titolo? Dai, ormai sapete come funziona, attaccare parole per fare altre parole).

Il Midsommar è la festa del solstizio d’estate, e viene celebrata il 24 giugno, la notte di san Giovanni (come i fuochi a Firenze). Adesso è solo una festa a base di alcol (come tutte le feste svedesi, peraltro), ma c’è stato un tempo in cui si diceva che la notte di mezza estate (sì, in effetti lo ha detto anche Shakespeare) era la notte in cui le proibizioni cadevano e ci si dava all’amore libero e selvaggio… Anche in La signorina Julie, opera teatrale dello svedese August Strindberg, si parla della festa della notte di San Giovanni, ed effettivamente i protagonisti prima di diventare personaggi di una tragedia se la spassano parecchio…

…a pensare che hanno smesso di fare tutto questo per attaccarsi alla bottiglia, mi ci piange il cuore.

Comunque continua a essere una festa molto sentita. Io in realtà il Midsommar in Svezia l’ho visto solo una volta un paio d’anni fa, ed è stato un semplice pranzetto tra amici, però a giro per strada ho visto che c’è chi si mette il vestito tradizionale, una corona di alloro in testa, e fa un ballo imbarazzante intorno ad un bastone che sembra un fallo ricoperto di foglie… Oddio, a pensarci bene l’alcol ti serve proprio tanto.

Questo piatto è a base di aringhe, come moltissimi piatti in Svezia. In realtà non c’è un periodo dell’anno in cui l’aringa non vada bene: si mangia a Natale, a Pasqua, a Midsommar, etc. Quindi mi sento anacronistica a proporre questo piatto a febbraio, ma non così tanto, insomma.

Il nome completo di questo buonissimo e freschissimo piatto è: Matjessill med gräddfil och gräslök. Un nomino facile da ricordare che significa “aringa marinata con panna acida e erba cipollina”; per gli amici Midsommarsill “aringa del Midsommar”.

E’ una ricetta facile una volta che le aringhe sono già marinate, la cosa lunga è appunto marinarle, perché devono stare una notte a macerare. Certo, si possono comprare le aringhe già “matjeate” all’IKEA, ma allora perché non vi comprate tutto all’IKEA e non la smettete di leggere il mio blog?

Dal momento che in Svezia è molto più comune comprarle già pronte (la marca più famosa di aringhe marinate si chiama Abba, non è carino?) ho passato la mattinata (bella la vita quando non hai un cazzo da fare, vero?) sui siti svedesi di cucina a cercare il modo di marinarle partendo da zero, e finalmente ho trovato due siti. Allora ho fatto una sintesi tra le due versioni per trovare la migliore. Spero di esserci riuscita.

Anche la panna acida me la sono fatta da sola (vedi ricetta qui).

Ecco, si torna al solito discorso sull’accompagnamento liquido… Stavolta non ho trovato suggerimenti abominevoli tipo latte, orzata, urina, etc. in compenso la tradizione vikinga impone l’uso dello snaps, la grappa svedese. Abbiamo già visto che ci servirà per ballare intorno a un pene verde, per cui anche se esagerate diciamo che vomitarsi addosso è comunque meno imbarazzante, quindi conviene tracannare a più non posso. Lo snaps più o meno in tutte le feste svedesi funziona così: ad un certo punto qualche allegro buontempone tra gli invitati dà il via ad una canzone (accanto al piattino i padroni di casa vi fanno spesso trovare i testi con le canzoni che si canteranno, quindi non c’è modo di fuggire), gli altri cantano insieme a lui e poi finita la canzone si dice tutti Skål! (ovvero “salute”) guardandosi negli occhi e si butta giù alla goccia.

Ebbene sì, ho dovuto farlo anche io reiterate volte… posso assicurarvi che i primi due o tre brindisi sono stati imbarazzanti, poi dopo era lo snaps ad agire per me, sarei potuta anche salire sul tavolo e cantare “O’ sole mio” a pieni polmoni.

Comunque, se non volete dare spettacolo di voi stessi e volete invece servire le Midsommarsill a una cenetta estiva carina e tranquilla, io opterei per un vino bianco, magari anche frizzante. E poi accompagnerei le aringhe con della focaccia/schiacciata/pizza bianca, meglio se croccante e ancora calda. Per il resto secondo me vanno lasciate così, sono fresche e buone, e per essere un piatto svedese anche relativamente leggere, e poi l’erba cipollina tagliuzzata sulla panna acida è anche carina da vedere.

Ah ecco, fondamentale: secondo voi cosa usano gli svedesi come contorno per questo piatto? Usano due cose, una ve la dico io perché non è così intuitivo, ovvero delle fettine di uovo sodo. L’altra invece? Vi lascio un minuto per pensarci, quando avete capito controllate in fondo alla pagina*.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:

3 aringhe affumicate (si dovrebbero usare fresche ma non sono riuscita a trovarle da nessuna parte, comunque la mia viKinga dolce metà dice che il sapore era identico a quelle fresche)

200 ml. di aceto di vino bianco

100 ml. d’acqua

200 gr. di zucchero

una puntina di cucchiaino di senape

25 gr. di pepe nero

25 gr. di pepe bianco

25 gr. di zenzero fresco

25 gr. di legno di sandalo (io non sono riuscita a trovarlo)

25 gr. di origano

5 o 6 foglie di alloro

1/2 cipolla rossa

2 o 3 ciuffetti di aneto

1 uovo sodo

un mazzetto di erba cipollina

5 o 6 patate lesse

panna acida

PREPARAZIONE:

Se le aringhe sono affumicate metterle a bagno in acqua fredda per 5 o 6 ore, cambiando l’acqua spesso per togliere il sale.

Aringhe nel barattolo (chiedo scusa per la foto storta)

In un pentolino bollire l’aceto e l’acqua e aggiungere lo zucchero, mescolare e lasciare raffreddare. Aggiungere il pepe nero, il pepe bianco, lo zenzero, il sandalo, l’origano, le foglie d’alloro a pezzi, la senape, la cipolla spezzettata, e qualche ciuffetto di aneto (se le aringhe sono fresche aggiungere 25 gr. di sale, se sono affumicate non serve).

Sfilettare e tagliare a tocchetti le aringhe e aggiungerle a questo intruglio. Mettere tutto dentro un barattolo a chiusura stagna e lasciare una notte in frigorifero.

A questo punto è tutto fatto: mettere i pezzetti di aringa in un piatto e aggiungere la panna acida. Tagliuzzare l’erba cipollina e spolverarla sulla panna acida. Servire con delle patate lesse e con un uovo sodo tagliato a fettine (io sono fashion e l’ho tagliato a fiore).

In realtà mi sono fatta prendere dal momento e ho cosparso TUTTO con l’erba cipollina perché mi faceva simpatia. A voi la scelta.

Midsommarsill pronte!

Buon appetito!

I.

*patate lesse!

Pezzettini in padella: pytt i panna.

Questo è il vero piatto salvavita… L’ho scoperto per caso in Danimarca in realtà, dove lo chiamano pytt i panne come in Norvegia (in Finlandia è pytt i pannu, metteteci la vocale che vi pare, la sostanza è la stessa), ma la sua origine è al 100% svenska.

Nasce come nascono di solito le torte salate: quando il frigo è pieno di avanzi minuscoli e tristi si mette tutto insieme et voilà, la nuova prelibatèsse. In effetti i piatti che nascono così sono quelli migliori, e forse lo dico da toscana, regione in cui più o meno TUTTI i piatti sono nati così.

Il panna del nome è fuorviante per un italico, ma in svedese significa “padella”, come in inglese “pan”: lo svedese è facile, prendete l’inglese e pronunciatelo raddoppiando qualche consonante qui e là o aggiungendo ‘a’ a caso, es. “mangiare”, inglese to eat, svedese att äta; “tappeto”, inglese mat, svedese matta; “sperare”, inglese to hope, svedese att hoppas, e così via, divertitevi…

E allora serve riflettere: che cosa si trova sempre (e intendo proprio sempre) in un frigorifero svedese come avanzo? 1) Cipolle: immancabili, le infilano anche nei panini così crude insieme ad avocado e cetrioli… chissà come fanno ad avere una vita sociale con tutte le cipolle che mangiano 2) Bacon: anche questo è onnipresente 3) Carne di maiale e di manzo: l’animalo peloso e setoloso è alla base della vichingalimentazione 3) Patate: …

Questi pezzetti in padella vanno accompagnati rigorosissimamente con uno o due uova al tegame (mi raccomando, per essere veri viKinghi friggetelo nel burro, non nell’olio, il vostro fegato vi ringrazierà) e delle barbine rosse (o barbe, o barbabietole, o rape rosse, mai capito qual è il termine standard) per guarnire, tipo 6 o 7 rondelline.

Ah, su una ricetta svedese ho letto che c’è chi aggiunge il ketchup e/o la salsa Worcester… Direi che possiamo sorvolare…

Per quanto riguarda la bevanda tradizionale con cui accompagnare il pytt i panna potete scegliere tra: 1) Birra 2) LATTE! 3) Acquavite. E’ così che si entra nello spirito nordico.

Il mio consiglio è: seguite la ricetta pari pari, però se volete servire il piatto per una cenetta un po’ più seria secondo me si potrebbe mettere il pytt i panna in una bella fogliona di radicchio rosso, togliere uovo e barbine, e servire accanto delle zucchine saltate o dei fagiolini. Poi a mio parere birra/latte/acquavite si possono tranquillamente bypassare… I Germa hanno dei problemi a pasteggiare con l’acqua. Cristo il vostro corpo è fatto al 60% di acqua, non vi fa mica male! E quando bevono acqua la ‘aromatizzano’, ma perché? Non deve essere buona, deve essere insapore, incolore, inodore, c’è scritto su tutte le bottiglie… magari può essere altissima e purissima, ma di sicuro non buona.

Comunque in Svezia di pytt i panna ce ne sono di tantissimi tipi: più carne di maiale e meno di manzo, più carne di manzo e meno di maiale, senza bacon, con broccoletti, con carotine, vegetariano, vegano, biologico, di soya, etc. La ricetta che vi propongo io ha bacon e carne di manzo, perché secondo me se c’è il bacon la carne di maiale non serve. Ma essendo una ricetta alla buona ognuno può fare un po’ quello che gli pare. Comunque sia io presenterò il piatto alla svedese, ossia con uovo e barbine rosse, perché, per quanto l’uovo al tegamino non sia esteticamente raffinato, mi ci piace un sacco. E poi non devo fare nessuna cenetta sofisticata, devo solo nutrirmi, dato che sto morendo di fame.

Ecco, una cosa ci tengo a ribadire, però: mi rifiuto di berci il latte, questo sì. Va contro i miei principi morali.

ATTENZIONE: ricordatevi di scrivere pYtt i panna, e non pItt i panna, perché nel secondo caso avrete scritto “pisello in padella” (pisello nel senso anatomico del termine)… e non vi piacerebbe l’idea, no?

INGREDIENTI PER 2 PERSONE:

  • 5 patate medie
  • circa 50 gr. di burro per cuocere (uova comprese)
  • 2 cipolle dorate
  • 150 gr. di carne di manzo
  • 200 gr. di bacon o pancetta a cubetti
  • 2 o 4 uova
  • 1 barbabietola rossa
  • sale e pepe bianco a piacere

PREPARAZIONE:

Lessare le patate in abbondante acqua salata per poco tempo, così che siano cotte ma sode.

Nel frattempo, in una padella molto capiente, soffriggere le cipolle tagliate a dadini in un bel pezzettone di burro (circa 20-30 gr.).

Scolate le patate e mettetele sotto l’acqua fredda, sbucciatele e tagliate anche queste a dadini (cercate di fare i dadini dei vari ingredienti tutti della stessa dimensione, io non ci sono riuscita).

1 - Mettere a cuocere le patate insieme alle cipolle

Una volta tagliate le patate, mettetele nella padella dove le cipolle stanno continuando a cuocere e aggiustate di sale.

2 - Friggere la pancetta insieme alla carne

Mentre le patate cuociono insieme alle cipolle, friggete la pancetta in un’altra padella con un pochino di burro, e quando diventa trasparente aggiungete la carne sempre tagliata a dadini.

Quando la carne e la pancetta sono pronte, mettete tutto dentro la padella con le patate e le cipolle, date una bella spolverata di pepe bianco e continuate a fuoco basso la cottura per qualche minuto.

Cuocete le uova in un altra padellina (sempre usando il burro).

Tagliate le barbabietole e mettetele sul piatto, e quando sarà/saranno pronto/pronti, mettete anche l’uovo/le uova e il pytt i panna.

3 - Pytt i panna pronto!

Buon appetito!

I.

Le hasselbackspotatis e l’Accademia della Patata

Ecco che siamo pronti ad entrare nel magico mondo delle patate (potevo dirlo al singolare, ma era una battuta troppo facile).

Nella cucina svedese ci sono circa diciannove miliardi di modi per cucinare le patate, e ognuno di questi modi ha ovviamente un nome diverso. Si perché si fa presto a dire “patate al forno”, “patate lesse”, etc. Gli svedesi infatti hanno la simpatica abitudine di dare un nome a OGNI cosa che vedono, ogni azione a cui partecipano, di cui sentono parlare o che hanno immaginato di compiere anche solo una volta nella loro vita: ogni evento reale o fittizio, anche il più insignificante, che succede sull’orbe terracqueo in svedese ha un nome.

Così ad esempio un libro in Svezia non si limita a essere appoggiato sul tavolo, ma ligger sul tavolo se è ‘sdraiato’ e står sul tavolo se è ‘diritto’ (a questo proposito mi sono sempre chiesta se un pallone ligger o står sul tavolo, ma con domande del genere il Germa va in tilt).

Ci sono poi molti modi di andare a lavoro: io går a lavoro se cammino a velocità normale, promenerar se me la prendo comoda e passeggio, kör se vado con un mezzo che guido io (cykla se il mezzo in questione è la bicicletta) e åka se il mezzo in questione lo guida qualcun altro.

Inoltre troviamo verbi come fyllekäka “andare a mangiare schifezze in un fast-food dopo una sbronza colossale”, kliva “camminare facendo passi più lunghi del normale per ragioni varie ed eventuali”, lajva “andare in un bosco, travestirsi in qualche modo improbabile e fare giochi di ruolo tutto il giorno con altri sfigati come te”… chissà, di sicuro esiste anche un verbo per dire “prendere amabilmente in giro gli svedesi per il fatto che hanno una parola per indicare tutto”, che si dirà kräffa, o skålta, o kröksa, o chi lo sa.

Tornando a noi, non vi stupirà che anche le patate seguano questa regola, per cui solo per fare qualche esempio abbiamo le klyftpotatis se le patate al forno sono tagliate a spicchio, skivpotatis se le patate al forno sono tagliate a rondelline sottili, bakpotatis se le patate al forno sono cotte con la buccia, aperte e farcite di roba buona, etc.

In Svezia stanno talmente in fissa con le patate che nel 2008 a Alingsås (piccola città della Svezia vicino a Göteborg) si è costituita l’Accademia della Patata allo scopo di “proteggere” (non ho capito bene da cosa) la patata. Ogni anno assegnano il Gran Premio della Patata e il loro motto è “per la patata nel tempo”. Nel 2009 hanno addirittura creato il “giorno della patata“, che cade il 26 ottobre.

Bene, non c’era modo di raccontare questa bislacca curiosità senza costruire frasi che si prestano a doppi sensi, quindi fate del vostro peggio.

Ad ogni modo, le patate che voglio proporre oggi si chiamano hasselbackspotatis.

Le hasselbackspotatis sono cucinate al forno e vengono tagliate fini fini fini senza però arrivare in fondo al taglio, cosicché la patata rimane unita e intera al fondo e tagliata solo nella parte superiore.

Mmm… è molto più difficile descrivere il procedimento che farlo, comunque sia è una ricetta elementare: dopo aver semi-tagliato le patate si aggiunge l’immancabile burro, il pangrattato e si inforna.

Il nome di questo piatto deriva dallo storico ristorante Hasselbacken, che fin dal ‘700 si trova sulla lussureggiante isoletta-parco di Djurgården (pronuncia: /’jur’gon/ WTF!), a Stoccolma. L’Hasselbacken negli anni ’50 non era solo un ristorante, ma anche una prestigiosissima scuola di cucina, e la ricetta fu inventata nel 1955 proprio dal direttore di questa scuola. Ho letto che un tizio è voluto andare personalmente al ristorante ad intervistare il proprietario per conoscere dettagliatamente la storia della ricetta e gli è stato detto che, dato che in quel periodo andava molto di moda mangiare le bakpotatis (vedi sopra), il solerte e astuto direttore, per tenere il ritmo e servirne tante velocemente, cercò un modo di ridurre i tempi di cottura, introducendo le fettine sottili ma garantendo allo stesso tempo un fondo entro cui potesse stare il ripieno delle bakpotatis.

Bene, mi sembra pleonastico e saccente consigliare abbinamenti con le patate al forno, confido nel vostro spirito d’iniziativa, e comunque se volete fare i nordici ricordatevi che in Svezia le patate stanno bene in qualsiasi momento con qualsiasi cosa.

La ricetta è essenziale, però le hasselbackspotatis sono davvero carine a vedersi e buonissime, dal momento che il burro è sempre burro e il pangrattato forma una crosticina croccante che migliora notevolmente il concetto classico di “patata al forno”. Inoltre hanno anche il vantaggio di non dover essere costantemente girate (rischiando di essere rotte) come le patate normali tagliate a pezzi.

Comunque, siccome AMO fare la pedante e suggerire sempre versioni 2.0 dei piatti svedesi (anche perché se gli concedessimo anche di avere una cucina non suscettibile di miglioramenti poi se la tirerebbero veramente troppo) secondo me un pizzichino di noce moscata non ci starebbe male. Comunque è davvero un minuscolo dettaglio, le hasselbackspotatis sono semplici ma perfette.

Scrivo la ricetta, ma ripeto che è davvero tutto molto intuitivo, la cosa importante è l’idea di base. Io ho usato meno patate per il semplice motivo che non avevo voglia di alzare le chiappe e andare a fare la spesa, ma le dosi ottimali sono due patate abbastanza grandi a testa.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:

  • 8 patate medie (circa 600 gr.)
  • 40-50 gr. di burro
  • mezzo bicchiere di pangrattato
  • sale a piacere

    1- Fare attenzione a non tagliare la patata da parte a parte

PREPARAZIONE:

Scaldare il forno a 225 gradi e sbucciare le patate. Tagliare le patate a fettine sottili facendo attenzione a non tagliarle da parte a parte.

2- Patata a fettine

Foderare una teglia con carta da forno e appoggiare le patate sulla parte non tagliata, in modo che si vedano le fettine.

Far sciogliere il burro in un pentolino e spennellare le patate di burro.

Cuocere le patate al centro del forno per 30 minuti.

3 - Cospargere di pangrattato

Toglierle dal forno, dare un’altra spennellata di burro e cospargere di pan grattato e sale a piacere.

Rimettere le patate in forno e terminare la cottura per altri 25-30 minuti.

4- Hasselbackspotatis pronte!

Buon appetito!

I.